Università: Bernini firma decreto 2024/2025, incremento di posti disponibili

Il Ministro Bernini ha firmato 3 decreti relativo ai posti disponibili per alcune facoltà universitarie per l’anno accademico 2024/2025.

Il panorama universitario italiano si appresta a vivere una significativa evoluzione per l’anno accademico 2024/2025. Il Ministro dell’Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini, ha posto la firma su tre decreti che delineano il futuro degli aspiranti studenti.

decreto università posti 2024-2025
Aumentano i posti disponibili per alcune facoltà universitarie – notizie.com

In particolare, i decreti firmati dal Ministro Bernini riguardano gli studenti di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria, nonché di Medicina veterinaria. Un incremento dunque di posti disponibili.

Focus su Odontoiatria e protesi dentaria

I decreti numerati 756, 757 e 758 rappresentano una svolta importante per l’accesso ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico nelle aree mediche. In particolare, il decreto n. 756 delibera un totale di 20.867 posti per il corso di laurea in Medicina e Chirurgia. Questo numero segna un incremento rispetto all’anno accademico precedente che aveva visto la disponibilità di 18.331 posti per i candidati sia italiani che stranieri residenti in Italia, oltre a 1.305 destinati specificamente ai candidati dei Paesi non UE residenti all’estero.

decreto università posti 2024-2025
Aumentano i posti in Medicina e Chirurgia – notizie.com

Per quanto concerne il settore dell’Odontoiatria e protesi dentaria (lingua italiana e lingua inglese), il decreto n. 757 stabilisce la presenza di ben 1.535 posti provvisoriamente disponibili. Di questi, una quota parte è riservata agli studenti internazionali non appartenenti all’Unione Europea (116). Anche in questo caso si registra un aumento rispetto al precedente anno accademico.

Il terzo decreto firmato dal Ministro Bernini riguarda specificatamente i corsi in Medicina veterinaria (lingua italiana), con un totale provvisorio di 1.272 posti disponibili per l’immatricolazione nel prossimo anno accademico; tra questi sono inclusi i posti destinati ai candidati dei Paesi non UE residente all’estero (63). Anche qui si osserva un incremento notevole rispetto agli anni passati.

È importante sottolineare come i numeri forniti dai decreti siano ancora da considerarsi provvisori: essendo soggetti alla definizione dell’accordo che verrà assunto nell’ambito della Conferenza permanente per i rapportri tra lo Stato, le Regionisulle Province autonome di Trento e Bolzano.

Queste misure rappresentano una chiara indicazione del desiderio del Ministero dell’Università e della Ricerca di adeguare l’offerta formativa alle crescentesigenze del paese nel settore sanitario ed ampliare le opportunità formative offerte agli studentidi tutto il mondo.

In conclusione,l’aumento dei posti nei corsi di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Medicina Veterinaria testimonia un’impegno concreto nel sostegno delle aspirazioni accademiche e professionali dei giovani italianie internazionali e nella promozione dell’eccellenza formativa italiana nelmondo.

Impostazioni privacy