Vannacci respinge le accuse: “Io razzista? Vi dico come stanno le cose”

Il generale Roberto Vannacci in un’intervista a ‘La Verità’ respinge tutte le accuse di razzismo nei suoi confronti: “Sono davvero allibito”.

Ancora una bufera su Vannacci. In questo caso il generale è finito al centro di una polemica dopo la decisione di aprire un’indagine nei suoi confronti con l’accusa di istigazione all’odio razziale. Il tutto è partito da un esposto presentato da due associazioni (presente un sindacato militare ndr). A questo dobbiamo aggiungere anche la denuncia di Paola Egonu per diffamazione sportiva.

Vannacci intervista La Verità
Il generale Vannacci respinge tutte le accuse – Notizie.com – © Ansa

Su questa vicenda è stata chiesta l’archiviazione da parte del pm di Lucca, ma la pallavolista si è opposta e nei prossimi giorni è attesa l’udienza davanti al Gip. Intanto da parte di Vannacci, in un’intervista a La Verità, c’è una apertura ad un incontro con la stessa atleta: “Non ci siamo mai sentiti, ma sono pronto ad incontrarla”.

Vannacci respinge le accuse di razzismo

Vannacci intervista La Verità
Vannacci spiega perché non si tratta di razzismo – Notizie.com – © Ansa

In questa intervista Vannacci respinge anche tutte le accuse di razzismo. Il generale si dice “allibito” per quanto successo. “Non ho mai scritto o pensato cose del genere – confessa al quotidiano – nel mio libro non c’è davvero nulla di tutto ciò. Secondo me hanno travisato quanto c’era scritto“.

Il generale ricorda anche che nel libro non parla mai di dignità o diritti inferiori, ma semplicemente di differenze oggettive dal punto di vista di caratteristiche. Secondo lui, quindi, è stato forzato il concetto presente nel lavoro.

Vannacci e la candidatura alle Europee

Vannacci intervista La Verità
Vannacci e la sua candidatura alle prossime Europee – Notizie.com – © Ansa

Polemiche che sono nate a distanza di pochi giorni dall’apertura della Lega ad una candidatura di Vannacci. Per il momento il generale ha ringraziato il partito di via Bellerio e il leader Salvini, ma anche ammesso di non aver sciolto i dubbi. Lo farà molto probabilmente nei prossimi giorni visto che manca davvero poco alla chiusura del termine per ufficializzare una discesa in campo.

Ma una cosa Vannacci la vuole precisare: “Nessuno deve scambiare la mia attività culturale e divulgativa come una politica in vista del voto. Io continuo ad essere un militare e questo non fa assolutamente propaganda politica“.

Impostazioni privacy