Bruxelles, iniziata protesta trattori: tilt e caos [VIDEO]

Bruxelles, iniziata la protesta da parte dei trattori: non sono mancati momenti di tilt e caos [VIDEO]

Come volevasi dimostrare è iniziata, dalle prime ore del mattino, la protesta da parte dei trattori in quel di Bruxelles. Secondo quanto riportato da alcune fonti e media locali pare che più di un centinaio di veicoli siano arrivati nel cuore della notte fino ad arrivare al Grand Place. Una nuova protesta, quindi, quella messa in atto da parte degli agricoltori che si stanno avvicinando, sempre di più, al quartiere europeo, proprio dove si sta tenendo la riunione da parte dei ministri dell’Agricoltura dei 27.

Tilt e caos
Iniziata la protesta dei trattori a Bruxelles (Foto X) Notizie.com

Gli agricoltori vogliono esprimere il proprio dissenso in merito alla Politica agricola comune (la Pac) ed anche il Green Deal. Gli stessi che hanno bloccato rue de la Loi, in direzione dell’Europa Building. Purtroppo ci sono da segnalare alcuni episodi violenti con lanci di petardi. La polizia ha chiuso diversi tunnel: Reyers-Centre, Tervueren, Cinquantenaire e Loi. Stesso discorso vale anche per le metro Schuman e Maelbeek.

Bruxelles, iniziata la protesta dei trattori: esplosione e lancio di petardi [VIDEO]

Il Consiglio Agricoltura dovrà esaminare le proposte della Commissione europea per cercare di alleggerire gli oneri fiscali e burocratici di questa categoria. I manifestanti vogliono arrivare, con i loro trattori, dinanzi alla sede del Consiglio. Non sarà facile visto che gli agenti hanno blindato tutta la zona. Fatto sta che almeno una decina di trattori hanno invaso il centro storico della città belga. Una manifestazione che porta la firma di Fugea, Fwa e Fia. Sarà presente anche una delegazione della Coldiretti.

Tilt e caos
Iniziata la protesta dei trattori a Bruxelles (Foto X) Notizie.com

Nel pomeriggio, sempre a Bruxelles, la Confagricoltura terrà la sua assemblea. Secondo le ultime stime pare che dovrebbero arrivare in Belgio almeno 1.500 trattori. Gli stessi provenienti non solo dal Paese “ospitante”, ma anche da: Olanda, Germania e Francia. Un pacchetto di misure che prevede anche una moratoria sulle sanzioni per coloro che non rispettano gli obblighi europei per via dei disastri ambientali. Senza dimenticare lo stop di mettere a riposto il 4% dei terreni. La rabbia degli agricoltori è evidente.

Come citato in precedenza a Bruxelles sarà presente anche una importante delegazione della Coldiretti. Poco prima dell’inizio della manifestazione sono arrivate anche le parole del numero uno dell’associazione: “A Bruxelles con oltre 3mila agricoltori di Coldiretti per chiedere risposte concrete. Abbiamo proposto di semplificare la Pac da subito, aumentare il tetto degli aiuti di stato, autorizzare una moratoria dei debiti delle imprese agricole e rimuovere vincoli ambientali che diminuiscono la produzione di cibo in Europa e favoriscono le importazioni da altri continenti. Non è questa l’Europa che vogliamo“.

Impostazioni privacy