Cariche a Pisa, Mattarella a Piantedosi: “No i manganelli ai ragazzi” [VIDEO]

Il presidente della Repubblica non ha gradito quanto accaduto nella città toscana durante la manifestazione degli studenti

Il Quirinale non ha accettato quanto accaduto a Pisa. Quegli studenti trattati in quel modo dai poliziotti, in modo fin troppo aggressivo, non è piaciuto al presidente Mattarella che ha alzato il telefono e ha chiamato il ministro dell’Interno Piantedosi per esprimere tutta la sua amarezza per quanto è accaduto. “I manganelli con i ragazzi esprimono un fallimento”, una parte della nota diramata dal Quirinale il giorno dopo dei fatti di Pisa.

Il Presidente
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con Matteo Piantedosi, Ministro dell’Interno, in occasione della riunione del Consiglio Supremo di Difesa (Ansa Notizie.com)

Una telefonata cordiale, quella del presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Matteo Piantedosi, ma allo stesso tempo ferma, esprimendo amarezza e totale disappunto sulle azioni repressive e violente delle forze di polizia a Pisa. Tanto che il Quirinale, cosa che difficilmente fa usando questi toni, ha diffuso una nota ufficiale su quanto avvenuto contro i manifestanti e gli studenti: “Il presidente della Repubblica ha fatto presente al Ministro dell’Interno, trovandone condivisione, che l’autorevolezza delle Forze dell’Ordine non si misura sui manganelli ma sulla capacità di assicurare sicurezza tutelando, al contempo, la libertà di manifestare pubblicamente opinioni. Con i ragazzi i manganelli esprimono un fallimento“.

Il vice-ministro della Giustizia Francesco Paolo Sisto

 

Impostazioni privacy