Un milione di dollari per doparsi e gareggiare: l’ex nuotatore accetta la sfida

James Magnussen, ex nuotatore ritiratosi nel 2019, è pronto a rientrare in piscina a seguito di una grande offerta economica

Si rivedrà presto in piscina il grande nuotatore James Magnussen, che sta per tornare per provare a battere il record del mondo dei 50 metri stile libero, anche se da dopato. Non è un errore: il 32enne australiano, campione del mondo dei 100 stile libero nel 2011 e nel 2013, ha accettato l’offerta da un milione di dollari per doparsi e gareggiare durante gli Enhanced Games, evento aperto a tutti gli atleti che fanno uso di queste sostanze.

Magnussen pronto a tornare a gareggiare
James Magnussen in piscina durante una gara (Ansa) – Notizie.com

“Voglio affrontare questa cosa nel modo giusto. Voglio andare in America. Prendere gli integratori giusti. Non so molto di quel mondo, quindi voglio indagare. Voglio avere la squadra giusta dietro di me e mi piacerebbe documentare tutto in video. Voglio mostrare come si può fare tutto in modo sicuro e appropriato per creare un atleta che nessuno ha mai visto prima”, ha annunciato lui stesso sul proprio profilo Instagram. Il record mondiale dei 50 metri stile libero è attualmente detenuto dal brasiliano César Cielo, che nel 2009 ha nuotato in circa 20,91 secondi. Ci era riuscito indossando uno di quei costumi da bagno in poliuretano che nel tempo hanno rivoluzionato tutti i risultati. Ovviamente poco dopo sono stati banditi. 

I dettagli

Magnussen, dal canto suo, può vantare nei 50 metri un punteggio di 21,52 che ha ottenuto quasi 11 anni fa. Come se non bastasse ha vinto anche il bronzo olimpico nella 4×100 mista a Londra e nella 4×100 stile libero a Rio. Nel giugno 2019 ha poi deciso di ritirarsi. Da qui nasce l’opportunità degli Enhanced Games: tutto è partito dalla mente di Aron D’Souza, un imprenditore di Melbourne, ma residente a Londra, che ha pensato di organizzare un evento diviso in cinque discipline, ovvero atletica, nuoto, sollevamento pesi, ginnastica e sport da combattimento. Il particolare da tenere a mente è che gli atleti possono tutti utilizzare liberamente sostanze dopanti. “Gli atleti sono adulti… e hanno il diritto di fare ciò che vogliono con il proprio corpo: il mio corpo, la mia scelta; il tuo corpo, la tua scelta”, ha spiegato D’Souza.

Magnussen si doperà e tornerà a gareggiare
James Magnussen alla fine di una gara (Ansa) – Notizie.com

Magnussen si è detto aperto all’idea di questa gara: “Ho pensato che fosse un concetto interessante fin dal primo momento che l’ho sentito. Siamo abbastanza consapevoli come olimpionici, in particolare in Australia, che ci sono grandi miglioramenti continui delle prestazioni in altri paesi, ma non c’è parità di condizioni a livello internazionale”, ha affermato. “Ecco un nuotatore australiano. Sono molto orgoglioso che ci sia un altro mio connazionale. Non ho dubbi che ora che James ha annunciato pubblicamente la sua partecipazione ci saranno tantissimi atleti pronti a unirsi”, ha detto D’Souza all’Australian Associated Press.

Impostazioni privacy