Schlein-Conte, aria di alleanza? Uno dei due è ancora titubante

Elly Schlein e Giuseppe Conte, aria di alleanza? A dire il vero uno dei due è ancora titubante 

Nella giornata di ieri c’è stato il tanto ed atteso incontro alla Camera che ha visto come protagonisti due personaggi della politica italiana come Elly Schlein e Giuseppe Conte. Se uno parla di “convergenze” (segretaria del Partito Democratico) uno parla di “ostacoli da rimuovere” (presidente del Movimento 5 Stelle). Insomma, non proprio la stessa cosa. Un incontro avvenuto in occasione della presentazione del nuovo libro da parte dell’ex ministro della Salute, Roberto Speranza.

Schlein spinge per intesa, Conte è freddo
Giuseppe Conte ed Elly Schlein (Ansa Foto) Notizie.com

Un incontro avvenuto dopo che c’è stata una pesante rottura per quanto riguarda la rottura tra i due sulla Rai. Quella di ieri è stata l’occasione per cercare di “ricucire” un rapporto, anche lavorativo. I due fanno sapere che una alternativa alla destra è possibile e può essere costruita. Ci spera Conte. La Schlein sa bene che ci vuole un senso di responsabilità per poter costruire una alternativa. Replica Conte che, però, fa sapere che i punti di convergenza per quanto riguarda una visione del futuro del Paese sono molti.

Pd-M5S, si cerca una alleanza collaborativa: Conte un po’ più freddo

Insomma, i temi in questione sono tanti, ma allo stesso tempo è positiva affinché un accordo possa essere trovato. Ovviamente non si è fatto attendere il riferimento al centrodestra: “Nonostante le scelte sbagliate del governo Meloni loro una coalizione che l’hanno. Si sono divisi e si spaccano, ma almeno riescono a ricompattarsi“. Molto più restio, invece, Conte che parla di “ostacoli” e afferma: “Tra noi e il Pd non c’è nessun atteggiamento pregiudiziale, ma bisogna superare degli ostacoli“.

Schlein spinge per intesa, Conte è freddo
Giuseppe Conte, Elly Schlein e Roberto Speranza (Ansa Foto) Notizie.com

Poco prima del loro intervento l’ex ministro Speranza aveva iniziato con una battuta su Conte per quanto riguarda i suoi “capelli dritti” in merito ad una provocazione su Trump e Biden. La risposta del leader pentastellato non si è fatta attendere: “A dire il vero mi si sono rizzati i capelli anche nello scoprire un Pd bellicista che non mi aspettavo e che ha rinnegato l’esperienza della transizione ecologica mettendoci il dito nell’occhio con l’inceneritore“.

Ovviamene la segretaria non ha incassato il colpo e fa sapere che ad ognuno di loro i capelli iniziano a rizzarsi. Poi invita tutti a ritornare sulla terra: “Qui dobbiamo essere responsabili nel costruire un progetto“. Soprattutto in vista delle elezioni, sia europee che regionali. Un accordo tra i due partiti è possibile. Anzi, ci sono le basi per lavorare insieme. Su questo sia Conte che la Schlein sono d’accordo. Almeno su questo.

Impostazioni privacy