Diego Nargiso: “Campione meraviglioso. E’ iniziata la sua era, sarà solo Sinner non il nuovo Djokovic…”

L’ex campione azzurro a Notizie.com esalta l’impresa del ragazzo italiano che ha vinto gli Australian Open, 48 anni dopo Panatta: “E’ destinato ad essere non solo l’italiano più vincente ma una stella del tennis”

Un campione fantastico, un’impresa eccezionale. Sarà solo la prima di una lunga serie. E’ destinato ad essere una stella“. Urla e grida di felicità Diego Nargiso, ex tennista azzurro che ha seguito la partita in diretta e con una emozione unica. Conosce bene Jannik Sinner, sin da quando era piccolo, non è affatto sorpreso di quello che sta facendo e “di quello che farà“. Già perché secondo Nargisoè solo l’inizio“, dice a Notizie.com. “E’ destinato a vincere tanti slam e, badate bene, oggi è cominciata la sua era, quella di Jannik Sinner, non si dica che è il nuovo Djokovic, perché ha preso molto da lui, è simile, ma Jannik porterà il tennis in un altro mondo…

Il campione
Il campione degli Austrialina Opne Jannik Sinner (Ansa Notizie.com)

Per Nargiso non aveva rivali nemmeno un mese fa e continuerà a non averne più avanti, tanto che a Notizie.com spiega: “Può giocare su tutte le superfici, è imbattibile. Ha raggiunto una consapevolezza che è qualcosa di incredibile, quel tipo di forza che vedevi in campioni come Nadal, Federer e lo stesso Djokovic, ma anche Medvedev e gli altri, ovvero quei giocatori che fanno abitualmente finali di uno slam“. Per Nargiso, che conosce Sinner da quando era piccolo, è una soddisfazione immensa e ricorda: “Tanti di noi lo conoscevano sin da quando giocava coi più piccoli e si vedeva che aveva qualcosa in più, ora sta solo uscendo fuori e il suo staff è stato impressionante per il lavoro che ha fatto”.

“Ha iniziato in maniera contratta, poi è entrato nella storia”

L'incontro
Il campione Jannik Sinner e l’ex giocatore e allenatore Diego Nargiso (X-Notizie.com)

Diego Nargiso ha sofferto come tutti nel vedere la partita e soprattutto i primi due set e a Notizie.com racconta la sua partita e la sua analisi: “Ha cominciato un po’ contratto, ma era normale, doveva capire l’atmosfera e quel che stava succedendo, poi bisogna anche dire che Medvedev ha giocato in maniera superlativa, quando gioca così il russo, è difficile tenergli testa, poi per fortuna un po’ non riesce ad essere costante e poi è uscito Jannik che ha cominciato a giocare come sa e a stare tranquillo perché ha capito di poter vincere quando ha vinto il primo gioco del quarto set“.

Su quello che succederà da qui a poco, Nargiso ha pochi dubbi: “Adesso gli altri vorranno batterlo perché lui ora è il più forte di tutti e se riesci a stare al suo livello allora sei competitivo, altrimenti soccombi come è successo al russo, ma ancora prima a Djokovic. Jannik non so se riuscirà a diventare numero uno al mondo in questa stagione, ma ci riuscirà, non ci sono dubbi. E per il tennis italiano è oro, perché tutto il movimento ne beneficerà”

Impostazioni privacy