Europee, Vannacci si candida? “Salvini? Ascolto anche la Schlein, se mi chiamasse…”

Europee, Roberto Vannacci prossimo candidato? Il generale non esclude una possibile alleanza con Matteo Salvini e nemmeno con Elly Schlein, se ovviamente dovesse chiamarlo 

Roberto Vannacci fa chiarezza e lo fa nella miglior maniera possibile. Il suo nome, in quest’ultimo periodo, è stato accostato (anche con una certa insistenza) al mondo della politica. Dopo essere stato uno dei protagonisti dell’ultima estate per via del suo libro molto criticato (“Il Mondo al Contrario“), il generale fa nuovamente parlare di sé per via delle sue ultime dichiarazioni. Le stesse che non sono affatto passate inosservate. Fa sapere di essere pronto ad ascoltare qualsiasi tipo di proposta che gli venga offerta.

Possibile candidatura alle Europee?
Roberto Vannacci (Ansa Foto) Notizie.com

Anche una possibile candidatura in vista delle prossime elezioni Europee. Perché no? Non solo Matteo Salvini che lo vuole fortemente nella sua squadra, la Lega, apre a tutti. Davvero a tutti. Anche alla segretaria del Partito Democratico, Elly Schlein. Sull’italo-svizzera, però, è stato fin troppo chiaro: “Anche se mi dovesse chiamare, cosa molto improbabile, sono pronto ad ascoltare tutte le versioni. Di conseguenza prenderei le mie decisioni“.

Vannacci, tra candidatura alle Europee e secondo libro (lavori in corso…)

Come annunciato in precedenza, però, l’attuale vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti spinge per il suo possibile arrivo. Non per Vannacci che, fa sapere, non ha preso alcun tipo di decisione. “Vado in giro, parlo con le persone, ma non ho ancora deciso nulla. So che ci sono delle scadenze, ma c’è ancora tempo. Si voterà a giugno, giusto? In Italia ci sono almeno un centinaio di candidati, perché fate tutti la stessa domanda a me?“.

Possibile candidatura alle Europee?
Roberto Vannacci (Ansa Foto) Notizie.com

Dopo il successo del suo primo libro sta per arrivare anche il secondo. Anche se è ancora troppo presto per una data precisa per l’uscita: “Sto scrivendo, raccolgo pensieri, rifletto e molto altro. Una casa editrice, a dire il vero, c’è ma non sono uno scrittore di professione. Ho bisogno dei miei tempi”. Negli ultimi giorni ha fatto molto rumore la sua dichiarazione a ‘Fanpage’ dove ha dichiarato: “Se avessi un figlio gay lo orienterei verso l’eterosessualità“, apriti cielo. Inutile ribadire che si sono create altre polemiche come quelle di questa estate.

Impostazioni privacy