Ciardi: “Mourinho non ha il sentore che possa essere esonerato…”

A parlare con Notizie.com è uno degli speaker più seguiti del mondo Roma ma anche uno dei pochissimi che ha un rapporto stretto col tecnico: “La squadra non sta andando bene, ma vediamo anche i problemi che ci sono e non sono pochi…”

Mourinho non ha alcun sentore che possa essere mandato via da un momento all’altro…“. Le parole sono di Augusto Ciardi, uno degli speaker più seguiti nel mondo Roma, ma è anche uno dei pochi giornalisti specializzati dell’ambiente giallorosso che parla direttamente con lo Special One, tanto che a Notizie.com lo conferma e spiega: “Il tecnico attende di parlare con la società per il rinnovo perché lui qui sta bene, l’unica cosa che sta facendo adesso è pensare a lavorare e cercare di rimettere le cose a posto. In più, c’è pure da dire che, adesso come adesso, il tecnico è l’unico punto di riferimento vero, anche perché c’è un direttore sportivo che viene interpellato sul futuro dell’allenatore, quando tra quindici giorni andrà via, quindi a che titolo gli vengono fatte le domande anche perché lui che ne sa”.

Il tecnico
Il tecnico della Roma Josè Mourinho alla fine di una gara di campionato (Ansa Notizie.com)

In questo momento senza i Friedkin in città e in totale silenzio, sembra esserci un po’ d’anarchia, almeno per quel che riguarda il futuro dell’allenatore: “La Roma non sta facendo bene e questo lo sa bene anche l’allenatore, ma è un momento delicatissimo e Mourinho lo sa bene. Da quello che percepisco, allo stadio c’è ancora appoggio pieno per il tecnico, anche se il clima che si sta respirando attorno alla squadra non si respirava da anni. Diciamo che da quando c’è Mou si parla solo di lui, credo che lo stadio sia ancora dalla sua parte, ma il clima sta cambiando, anche e soprattutto nei confronti dei giocatori. L’aria è più pesante rispetto a prima, ma c’è anche questo silenzio assordante da parte della società non è possibile. Non c’è un segnale che sia uno. La Roma in questo momento è rappresentata da un dirigente che ad inizio anno ha detto che a fine mese saluta tutti, l’unico che sta rappresentando il club è Mourinho che è tranquillo, lavora e aspetta di parlare con Friedkin e, da quanto ho capito, succederà a giorni, anche perché è atteso nella capitale, ma lo ripeto il tecnico non ha alcun percezione che verrà esonerato. Tutt’altro. Lui lavora e pensa al Verona, senza dimenticare che fino adesso la squadra, in totale difficoltà, ha giocato contro Inter, Juve, Atalanta, Napoli, Lazio e Milan, ora si dovrebbe respirare un po’ e dare sì l’ultima chance al tecnico per rimettersi in careggiata. Con tutto quello che è successo, sei comunque a cinque punti dal quarto posto, occupato dalla Fiorentina…”

Impostazioni privacy