Maltrattamenti in famiglia, fermato un uomo: decisivo il coraggio di una ragazza

Un uomo è stato fermato dai carabinieri per maltrattamenti in famiglia. E’ stato decisivo il coraggio di una ragazza. Ecco cosa è successo.

Sono stati anni molto complicati per una donna e la figlia. Ma il coraggio di quest’ultima ha permesso ad un uomo di finire in carcere per maltrattamenti in famiglia. Secondo quanto riferito da Il Messaggero, il 54enne non perdeva occasione pe vessare la moglie con angherie di tutti i tipi.

Uomo arrestato maltrattamenti in famiglia
Un uomo è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia – Notizie.com – © Ansa

Una vicenda che si è conclusa nelle scorse settimane grazie al coraggio della figlia, che è andata a denunciare il padre. I carabinieri sono intervenuti e hanno arrestato l’uomo.

La ricostruzione

Uomo arrestato maltrattamenti in famiglia
I carabinieri hanno ricostruito la dinamica dell’accaduto – Noizie.com – © Ansa

L’ultima aggressione era avvenuta davanti ai figli, con la più grande che ha deciso di prendere le difese della madre ed è stata picchiata anche lei. Come raccontato da Il Messaggero, la giovane è riuscita prima a divincolarsi e andare a casa di alcuni parenti. All’ennesima minaccia da parte dell’uomo, la ragazza ha trovato il coraggio di denunciare il padre ai carabinieri.

Un atto che ha dato coraggio anche alla madre e per l’uomo, residente a Ceprano, sono scattate le manette. Ora sono in corso tutti gli approfondimenti del caso per capire meglio quanto successo. Ora l’uomo è stato rischia di essere rinviato a giudizio e nelle prossime settimane potrebbe iniziare il processo.

L’incubo per le due donne è terminato

L’incubo per le due donne è terminato grazie al coraggio della figlia. Per anni la madre è stata picchiata e solo la decisione della giovane di denunciare il padre ha permesso a 54enne di essere arrestato e, quindi, portare alla luce una vicenda che, come detto in precedenza, ha fatto vivere momenti difficili alle vittime di questa aggressione.

Impostazioni privacy