Elezioni regionali, Toti: “Giusto confermare gli uscenti”

Nel corso di una intervista che ha rilasciato al quotidiano “Il Corriere della Sera” è intervenuto il governatore della Regione Liguria, Giovanni Toti: quest’ultimo si è soffermato sulle imminenti elezioni regionali

Uno dei temi caldi, per quanto riguarda il mondo della politica, non può che essere quello relativo alle imminenti elezioni regionali che si verificheranno proprio a breve. In merito a questo importante argomento sono arrivate le parole di Giovanni Toti. L’attuale governatore della regione Liguria ha rilasciato una intervista ai microfoni del quotidiano ‘Corriere della Sera‘ in cui ha espresso il proprio pensiero a riguardo. Un tema che sta dividendo il fronte del centrodestra, con pareri contrastanti da una parte e dall’altra.

Intervista al 'Corriere della Sera'
Il governatore della Liguria, Giovanni Toti (Ansa Foto) Notizie.com

Queste sono alcune delle sue parole a riguardo: “In questa vicenda hanno ragione tutti e nessuno. Stiamo parlando di uno di quei casi in cui la mediazione politica è fondamentale. Sono del parere che, in questo momento, la cosa fondamentale sia quella di non invertire il sentimento di vittoria del centrodestra che deve continuare a governare. Nelle ultime elezioni regionali, sia in Liguria ma anche in Friuli-Venezia Giulia o in Lombardia, abbiano dimostrato che chi viene da un’esperienza di governo e apprezzato dai cittadini”.

Elezioni regionali, Toti sulla Sardegna: “Bisogna confermare Solinas”

Segno del fatto che, per le elezioni regionali in Sardegna, Toti fa sapere che bisogna confermare il suo collega, Christian Solinas: “Almeno questo è il principio di base. Poi ci possono essere ragioni particolari o locali che inducono a fare scelte diverse, ma di norma è giusto confermare gli uscenti”. Come annunciato in precedenza, però, questo argomento sta dividendo il centrodestra. In particolar modo sia Fratelli d’Italia che la stessa Lega che continuano ad avere pareri diversi.

Intervista al 'Corriere della Sera'
Il governatore della Liguria, Giovanni Toti (Ansa Foto) Notizie.com

Su questo il governatore ligure ha precisato: “Nelle coalizioni c’è sempre un po’ di competizione. Ma troverei pericoloso se qualcuno sentisse la necessità di intervenire per riequilibrare i rapporti di forza a livello nazionale. Bisogna stare attenti”.

Poi ha continuato dicendo: “Nelle realtà locali hanno sempre un peso rilevante le liste dei governatori o dei sindaci, oltre alle liste civiche. Bisogna tenere conto e non pensare di riproporre sui territori il voto nazionale. Le operazioni di ingegneria genetica della politica romana sono rischiose. Vanno maneggiate con cura. Solinas può non piacere a tutti, ma forse questo non basta per cambiare”.

In conclusione esprime il proprio pensiero per quanto riguarda il terzo mandato: “Trovo che lo stop imposto dalla legge sia incoerente. Chi pensasse di usarlo come improprio strumento di ricambio o, al contrario, di sopravvivenza a prescindere, commetterebbe un errore esiziale. Io penso che il principio base debba essere il consenso degli elettori“.

Impostazioni privacy