Caso Sgarbi, perquisizioni nelle sue case: arrivano i carabinieri

Caso Vittorio Sgarbi, perquisizioni nelle abitazioni dell’attuale sottosegretario alla Cultura: arrivano i carabinieri. Gli ultimi aggiornamenti in merito 

Giungono delle importanti novità che riguardano l’attuale sottosegretario alla Cultura, Vittorio Sgarbi. Il critico d’arte, in questi giorni, è al centro delle polemiche per quanto riguarda la questione del quadro Manetti. Proprio nelle ultime ore sono emerse delle importanti novità.

Riconsegnato il dipinto
Perquisizioni nelle abitazioni di Vittorio Sgarbi (Ansa Foto) Notizie.com

Secondo quanto riportato da più fonti pare che i carabinieri, del nucleo tutela patrimonio, si siano recati nelle abitazioni del noto personaggio televisivo e le hanno sottoposte a sequestro. Successivamente è stato preso anche il quadro di Manetti.

Sgarbi, riconsegnato il quadro Manetti: gli ultimi aggiornamenti

Un provvedimento che è stato deciso direttamente dal pm di Macerata che sta avviando le indagini. Il quadro in questione è attribuito a Rutilio Manetti, del Seicento senese, intitolato “La Cattura di San Pietro“. Quest’ultimo consegnato proprio da Vittorio Sgarbi. Ricordiamo che il sottosegretario è attualmente indagato per riciclaggio di beni culturali.

Riconsegnato il dipinto
Perquisizioni nelle abitazioni di Vittorio Sgarbi (Ansa Foto) Notizie.com

A quanto pare i militari dell’arma hanno perquisito le abitazioni del critico d’arte (in totale tre). Il pensiero di Sgarbi, però, non cambia assolutamente di una virgola, tanto è vero che continua a respingere ogni tipo di accusa a suo carico e che di questa vicenda ha la coscienza al proprio posto.

Il dipinto, come annunciato in precedenza, è stato consegnato spontaneamente. Questo tipo di sequestro, fanno sapere gli stessi carabinieri, è un atto dovuto per cercare di compiere tutti gli accertamenti sul quadro.

Impostazioni privacy