Trovata senza vita per revenge porn, decisione Procura: caso chiuso

Una donna di 31 anni venne trovata senza vita all’interno della sua abitazione, nelle ultime ore è arrivata la decisione della Procura: il caso è chiuso

Il caso è ufficialmente chiuso. Quello che ha visto come vittima Tiziana Cantone, la ragazza di 31 anni di Mugnano di Napoli che è stata trovata senza vita con un foulard attorno al collo. In un primo momento si era parlato di istigazione al suicidio. Nel frattempo è arrivata la decisione importante ed ufficiale da parte della Procura di Napoli Nord per l’accusa di ipotesi d’omicidio. Un filone di indagine che era stato aperto contro ignoti.

La Procura annuncia: si è trattato di suicidio
Tiziana Cantone, il caso è chiuso (Ansa Foto) Notizie.com

Bisogna tornare indietro di molti anni, precisamente il 13 settembre del 2016 quando Tiziana venne ritrovata morta. Il tutto dopo che erano stati diffusi una serie di filmati hot che erano stati pubblicati in rete senza alcun tipo di consenso da parte sua. La 31enne si è tolta la vita: questo è quello che emerge dalla Procura del capoluogo campano. Si è trattato, quindi, di suicidio. Indagini che sono state portate avanti da parte del pubblico ministero Giovanni Corona.

Tiziana Cantone, il caso è chiuso: si è trattato di suicidio

Nel corso delle indagini stesse non sono emersi altri elementi sufficienti che potessero sostenere una ipotesi diversa a quella del suicidio. Come annunciato in precedenza, per togliersi la vita, avrebbe utilizzato un foulard per impiccarsi con una panchetta per l’attività fisica. Uno dei casi di revenge porn che aveva sconvolto l’intero Paese. In questi ultimi mesi erano state effettuate delle operazioni di riesumazioni del cadavere. Tra questi anche l’autopsia che ha confermato il suicidio della donna.

La Procura annuncia: si è trattato di suicidio
Tiziana Cantone, il caso è chiuso (Ansa Foto) Notizie.com

In questi anni è stato analizzato anche il suo dispositivo elettronico che, però, non ha fornito ulteriori dettagli su questa assurda e tragica vicenda. Il fascicolo per omicidio volontario, quindi, è stato ufficialmente archiviato dopo che era stato aperto da parte di alcuni ignoti. La conferma arriva direttamente dal quotidiano campano “Il Mattino”. La ragazza si era tolta la vita nell’appartamento dove vive la madre.

Impostazioni privacy