Coppa Italia, febbre derby: più di mille agenti impiegati

Coppa Italia, inizia a salire la febbre derby per oggi pomeriggio: più di mille sono gli agenti impiegati 

Manca davvero poco al secondo appuntamento stagionale che vedrà nuovamente affrontarsi la Lazio di Maurizio Sarri e la Roma di José Mourinho. Pochi mesi fa (il 12 novembre) si trattava del match di campionato che si è concluso a reti inviolate. Questa volta la sfida è molto importante (così come lo sono tutti i derby) visto che ci si gioca la semifinale della Coppa Italia, un obiettivo che entrambe le squadre vogliono raggiungere ma che solamente una può farlo.

Più di mille agenti impegnati all'esterno ed interno dell'Olimpico
Allerta massima a poche ore dal derby (Ansa Foto) Notizie.com

Alle ore 18 palla al centro e fischio di inizio di uno dei derby più attesi. La febbre tra le due tifoserie sale sempre di più. Così come la preoccupazione che possano esserci incidenti fuori e dentro lo stadio. Ed è per questo motivo che è stato deciso di impiegare più di mille agenti per questa importante sfida. Poliziotti, carabinieri e guardia di finanza che stanno cercando di mantenere sotto controllo la situazione. Fino a questo momento non c’è da registrare alcun episodio né altro.

Lazio-Roma, febbre derby: allerta massima, più di mille agenti impegnati

I cancelli dello stadio ‘Olimpico’ inizieranno ad aprirsi a partire dalle ore 14:30. Oltre al derby in campo c’è molta ansia anche per quello che riguarda, appunto, la sicurezza. L’obiettivo è evitare che possano verificarsi scontri tra le due squadre che, di certo, non si amano. A quanto pare gli ultras di entrambe le squadre hanno deciso di avviarsi verso lo stadio Olimpico non da soli, ma chiamando le tifoserie gemellate in giro per il mondo.

Più di mille agenti impegnati all'esterno ed interno dell'Olimpico
Allerta massima a poche ore dal derby (Ansa Foto) Notizie.com
Tra questi ci sono: Foro Italiano, il quartiere Delle Vittorie, Prati, Ponte Milvio e il Flaminio. Tutti controllati da agenti armati e pronti ad intervenire nel caso in cui qualcosa dovesse andare per il verso sbagliato. Anche se, a dire il vero, i controlli erano iniziati già dall’inizio di questa settimana. Fino a questo momento non ci sono da segnalare tensioni o episodi sgradevoli. Molti attendono questa importante sfida. D’altronde un derby non può mai essere considerato un match come tutti gli altri.
Impostazioni privacy