Azione, Costa: “Con mia norma nessun bavaglio all’informazione”

Il senatore di ‘Azione’, Enrico Costa, ha rilasciato una intervista ai microfoni del quotidiano “L’Unità” in cui si è soffermato sulla sua norma 

Per Enrico Costa non ci sono assolutamente dubbi: il tema che riguarda l’emendamento può essere considerato il miglior bilanciamento possibile per cercare di garantire il diritto all’informazione. Ovviamente con l’obiettivo di salvaguardare la presunzione di innocenza. Lo ha ribadito nel corso di una intervista che ha rilasciato ai microfoni del quotidiano “L’Unità”. Nel corso della stessa il senatore del partito ‘Azione‘ si è soffermato anche su altro.

Intervista al quotidiano L'Unità
Il senatore di Azione, Enrico Costa (Ansa Foto) Notizie.com

Proprio Costa, per chi non lo sapesse, è colui che ha firmato la norma tanto discussa. La stessa che, come riportato dai giornalisti, è stata definita come la nuova “legge bavaglio“. Proprio quest’ultima, infatti, è stata approvata in prima lettura alla Camera. La stessa che tende a proibire la pubblicazione del testo delle ordinanze di custodia cautelare.

Azione, Costa: “Apprezzo le parole di Santalucia”

Sempre nel corso dell’intervista si è voluto soffermare anche sulle ultime dichiarazioni che ha rilasciato il numero uno dell’Anm, Giuseppe Santalucia. Parole che, lo stesso Costa, ha apprezzato moltissimo e lo ha spiegato in questo modo: “Le sue dichiarazioni rappresentato una ricostruzione corretta“.

Intervista al quotidiano L'Unità
Il senatore di Azione, Enrico Costa (Ansa Foto) Notizie.com

Sempre soffermandosi su Santalucia ha dichiarato: “A differenza di altri suoi colleghi posso dire che Santalucia ha ammesso che il contenuto delle ordinanze potranno continuare ad essere rese pubbliche. Anche perché c’era una diversa disciplina. In questo caso, infatti, ne ha spiegato anche le sue ragioni”. 

Impostazioni privacy