Grave lutto nel mondo del giornalismo, addio a Franco Zuccalà

Un grave lutto ha colpito il mondo del giornalismo, nelle ultime ore è venuto a mancare il grande Franco Zuccalà

Come un fulmine a ciel sereno arriva una notizia che mai avremmo voluto dare. Specialmente per quanto riguarda il nostro settore, quello del giornalismo. Nelle ultime ore si è spento il grande Franco Zuccalà. Secondo quanto annunciato dalla sua famiglia il giornalista è morto nel cuore della notte. Aveva 83 anni. Siciliano doc, nativo di Catania, ha trascorso una lunghissima carriera in Rai. E’ stato per anni redattore del quotidiano “La Sicilia“, senza dimenticare i suoi trascorsi né “La Gazzetta dello Sport“, “Il Giornale” e “Tuttosport“.

Morto Franco Zuccalà
Morto il giornalista Franco Zuccalà (screenshot video YouTube) Notizie.com

A partire dagli anni 2000 era stato editorialista della agenzia giornalistica Italpress. Tutta la redazione di ‘Notizie.com’ esprime le più sentite condoglianze alla famiglia ed ai suoi cari per questa gravissima perdita. Non è affatto un mistero che Zuccalà sia stato considerato come uno dei più importanti giornalisti nel mondo dello sport. In particolar modo quello del calcio dove, con le sue analisi e pensieri, ha appassionato tantissimi sportivi e tifosi.

Addio a Franco Zuccalà, uno dei giornalisti sportivi più amati

Senza dimenticare che è stato il volto della “Domenica Sportiva” ed anche la voce di “90° minuto” per la Rai. Nel corso di tantissime interviste che ha rilasciato ha sempre ammesso di amare il suo lavoro. Nel corso della sua brillante carriera Zuccalà ha intervistato moltissimi personaggi noti. Non solamente dello sport, ma anche della politica e della cronaca. Tra questi spuntano: Nelson Mandela, Henry Kissinger (anche lui deceduto nella notte tra mercoledì 29 e giovedì 30 novembre), Sophia Loren, Pelé, Diego Armando Maradona e Alfredo Di Stéfano.

Morto Franco Zuccalà
Morto il giornalista Franco Zuccalà (screenshot video YouTube) Notizie.com

Sempre nel corso del suo tanto amato lavoro ha seguito la bellezza di dieci competizioni della Coppa del Mondo. Senza dimenticare ben quattro Olimpiadi, otto campionati Europei di calcio ed anche due Coppe d’Africa. Negli ultimi anni si è tolto anche la soddisfazione di ricevere la Laurea honoris causa in Scienza delle Comunicazioni fra le mura della Columbia University negli Stati Uniti D’America, precisamente a New York.

 

Impostazioni privacy