Rigettato un tentativo di non far andare Trump al voto del 2024

Il ricorso che è stato fatto nei confronti dell’ex presidente si riferiva alla Costituzione federale che vieta di ricoprire cariche pubbliche a funzionari coinvolti in insurrezione o ribellione

Ci stanno provando in tanti modi. Donald Trump corre verso il voto del 2024, ma in ogni modo si cerca di ostacolarlo per non farlo partecipare alla corsa per la Casa Bianca. Tanto che un giudice del Colorado ha dovuto respingere il tentativo di rimuovere “The Donald” dalle primarie dello Stato. E questo in base al 14/o emendamento della Costituzione che vieta di ricoprire “cariche pubbliche ai funzionari coinvolti in insurrezione o ribellione“.

L'ex presidente
L’ex presidente degli Usa Donald Trump (Ansa Notizie.com)

Il riferimento ovviamente è quanto avvenuto a gennaio del 2020 a Capitol Hill, con il tentativo d’insurrezione da parte di alcuni cittadini che hanno invaso la sede. Un atto che è passato alla storia come una vera e propria “rivoluzione” al voto che aveva visto Biden prevalere Trump, con quest’ultimo che mise in serio dubbio l’esito del voto, scatenando migliaia di persone. Tanti fanno leva su questo. E la decisione presa in Colorado segue quelle che sono state già prese in altri Stati come il Minnesota e in Michigan.

“Anche se Trump è stato impegnato nell’insurrezione il ricorso non può essere accolto”

Il giudice
Un momento in cui un giudice riflette sulla situazione di Donald Trump (Ansa Notizie.com)

E’ stata una presa di posizione che ha fatto e sta facendo molto discutere, se non altro perché è il terzo tentativo e, probabilmente, ce ne saranno altri. Molti sono convinti che che Trump, semmai, dovesse partecipare alla corsa per la Casa Bianca potrebbe essere il grande favorito. Nella decisione che è stato presa dal magistrato, dove ci sono molte pagine nella motivazione, il giudice distrettuale del Colorado Sarah B.Wallace si esprime a favore di Donald Trump in ogni punto, precisando e rigettando il ricorso e il tentativo di rimuoverlo dalle primarie del 2024.

La giudice Wallace sottolinea che Trump, seppur sia stato “impegnato in un’insurrezione” non può essere in alcun modo rimosso sulla “base del 14/o emendamento della Costituzione“. Motivo? La sezione numero tre dello stesso emendamento, sostiene, è vero, “l’impossibilità di funzionari di ricoprire incarichi pubblichi se si sono impegnati in una insurrezione”, ma il problema che ha sollevato la giudice Wallace è che questa definizione non include la presidenza. Ecco il motivo per cuio Donald Trump, al momento, è in piena corsa per la Casa Bianca ed essere il candidato principale per i Repubblicani.

Impostazioni privacy