Ennesima sparatoria in città, giovane ferito: indagano i carabinieri

Ennesima sparatoria quella che si verifica in città, un giovane è rimasto ferito: in questa vicenda indagano i carabinieri

Dopo neanche 24 ore dall’episodio di ieri sera, in via Flaminia, la Capitale si macchia ancora di sangue. Un’altra sparatoria che si è verificata a Roma. Il tutto è accaduto questa mattina, domenica 22 ottobre, in via Luigi Gadola (precisamente nella zona Prenestina). Secondo quanto riportato da alcuni media e fonti locali pare che un ragazzo di 26 anni sia rimasto ferito. Quest’ultimo, alle spalle, avrebbe alcuni precedenti e sarebbe già noto alle forze dell’ordine.

Sparatoria a Roma
Carabinieri (Ansa Foto) Notizie.com

E’ stato necessario il trasferimento in ospedale. In questo momento è sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Sul posto sono arrivati i carabinieri che hanno avviato le prime indagini di rito. Il tutto è accaduto poco prima dell’alba, intorno alle ore 6 del mattino. La vittima di questo agguato, in passato, era stata coinvolta in una operazione contro lo spaccio di sostanze stupefacenti. In quella occasione erano state arrestate una trentina di persone.

Roma, ennesima sparatoria dopo meno di 24 ore: indagano i carabinieri

Si è trattato di un vero e proprio agguato quello che ha visto, come vittima, proprio il ragazzo 26enne. Gli abitanti della zona di Tor Tre Teste sono stati svegliati, appunto, dal rumore dei colpi di pistola esplosa e dall’arrivo dell’ambulanza che ha subito medicato il giovane sul posto e poi trasportato in ospedale. A quanto pare il 26enne, in un primo momento, sarebbe stato avvicinato da un giovane che gli ha esploso contro diversi colpi di pistola (resta da capire quanti, su questo stanno indagando i militari dell’arma).

Sparatoria a Roma
Carabinieri (Ansa Foto) Notizie.com

Il ragazzo ha tentato di scappare, ma è rimasto ferito. Le sue condizioni sono gravi, visto che ha perso molto sangue. La prognosi, almeno per il momento, resta riservata. Come riportato in precedenza è stato trasportato al Policlinico Casilino. Oltre i carabinieri della compagnia Casilina ci sono anche i colleghi appartenenti al nucleo investigativo di via In Selci.

Impostazioni privacy