Tragedia Mestre, salva due bambini ma denuncia: “Altri presenti scattavano foto”

Tragedia di Mestre, un uomo ha salvato due bambini ma allo stesso tempo denuncia: “Gli altri presenti scattavano foto invece di aiutarmi”

Continuano le indagini da parte delle autorità e della Procura in merito a quanto accaduto nella serata di martedì 3 ottobre in quel di Mestre. Ovvero del bus precipitato dal cavalcavia e che ha sfondato un guardrail provocando la morte di 21 persone. Tutti stranieri tranne uno, l’autista che era italiano: la vittima si chiamava Alberto Rizzotto. In questa tragica vicenda, però, c’è da segnalare la presenza di un eroe. Si tratta di Bujar Bucai che ha salvato la vita e soccorso due bambini che si trovavano all’interno del bus.

Salva due bambini ma denuncia altri presenti
Bujar Bucai (Ansa Foto) Notizie.com

Allo stesso tempo, però, mostra tutta la sua rabbia e dispiacere per un altro episodio che lo ha letteralmente sconvolto. Ed ha tutte le ragioni del mondo. A quanto pare, in quel momento, erano presenti altre persone. Le stesse che, invece di aiutare a soccorrere chi aveva bisogno di aiuto erano “impegnate” a fare altro. Un qualcosa di veramente inutile che, nell’epoca dei social e della tecnologia, sembra essere diventato “obbligatorio”. Vale a dire scattare foto al disastro che si era appena verificato.

Mestre, la denuncia dell’uomo eroe: “Altri presenti scattavano foto”

Bujar ha scavalcato le recinzioni, attraversato di corsa i binari ed ha scalato un traliccio. Il tutto per poter salvare due bambini. Purtroppo, però, è rimasto scandalizzato dal comportamento di alcune persone. “Erano fermi in coda e facevano le fotografie“. L’uomo vive a Venezia da 25 anni, nonostante sia originario del Kosovo. E’ il titolare di un bar tra gli alberghi che si trovano nella stazione ferroviaria. Il suo messaggio non passa affatto inosservato: “Se vedete qualcuno date una mano, si tratta di salvare vite“.

Salva due bambini ma denuncia altri presenti
Incidente Mestre (Ansa Foto) Notizie.com

Dopo la terrificante tragedia sul posto si sono recate molte persone. C’è chi ha voluto lasciare qualche fiore per rendere omaggio alle 21 vittime e chi, purtroppo, si è reso “protagonista” (in maniera decisamente negativa) nello scattare foto e riprendere quello che restava dell’incidente. La maggior parte di loro erano turisti che, senza minimamente pensare che si era verificata una strage poche ore prima, hanno voluto “immortalare” il momento. Tra la rabbia e la tristezza di Bujar e di tutte le persone sensibili.

Impostazioni privacy