Taser è l’arma giusta contro i ladri: “Quando la vedono si fermano”

Il taser sta diventando una vera arma, in particolare contro i ladri quando la vedono preferiscono fermarsi che essere colpiti da essa.

Forse non tutti sapranno di che cosa stiamo parlando, eppure il taser è una vera e propria arma di cui ormai sono dotati anche tutti i Corpi di Stato, si tratta di una pistola elettrica che con il passare del tempo sta diventando la vera arma principale per Polizia, Carabinieri, Guardia Di Finanza e Polizia Locale.

Taser
Taser, Notizie.com

Cosi come riporta Libero.it, in Italia ad oggi il dispositivo è utilizzato da oltre cinquemila agenti distribuiti nel territorio, il tutto è stato reso noto nel corso del convegno dal titolo Axon tech summit, che ieri si è tenuto a Roma: “Dove istituzioni, forze dell’ordine, ed esperti, hanno fatto il punto su sicurezza, ordine pubblico e tecnologie più all’avanguardia del settore”. Al grande evento hanno preso parte anche Valentino Valentini, viceministro delle imprese e del made in Italy; Ettore Rosato di Italia Viva, rappresentanti del ministero della Giustizia edelle forze dell’ordine, i manager di Axon Italia, Luca Mascelloni e Loris Angeloni.

Insomma davvero qualcosa di importante che oltre a difendersi, blocca nel modo immediato i ladri, pare che alla vista del taser circa l’80% dei criminali si fermino, senza la necessità che le forze dell’ordine debbano usare qualche altra cosa.

Taser contro i criminali, il suo uso in Italia è aumetato

Proprio cosi, secondo quanto si legge su Libero.it, l’uso dei teaser da parte delle Forze dell’Ordine negli ultimi anni in Italia è aumentato, tanto da essere stati dotati un gran numero di componenti di Polizia, Carabinieri, Polizia Locale e Guardia di Finanza.

Taser, Notizie.com

“Lavoriamo alla sicurezza dei cittadini e delle forze dell’ordine. Puntiamo a ridurre del 50% le morti tra gli agenti e i civili a seguito di scontri con armi da fuoco entro il 2033″ queste le parole dette ieri da Mascelloni nel corso della conferenza stampa in cui si è parlato appunto di questa arma e di nuove soluzioni che seppur atte a difendersi, permettano di non arrecare più danni del dovuto alle persone e ancora: “Si è parlato anche di soluzioni professionali tecnologicamente avanzate come videocamere indossabili con una piattaforma dedicata, soluzioni drone e anti-drone, software di gestione delle prove, soluzioni per le vetture degli operatori di polizia e sale interrogatori”.

Insomma l’obbiettivo è quello di dotare tutte le forze dell’ordine del futuro del Taser 10 che è ancora più tecnologico e che tra un anno potrebbe anche arrivare in Italia, nello specifico si tratta di un dispositivo con delle scariche più basse, ma più tecnologico in materia di dati e con un raggio di azione che passerà da 7 e mezzo a 14 metri. L’attuale Taser comunque ha già raccolto consensi.

Impostazioni privacy