Sciopero benzinai, possibile colpo di scena: l’annuncio della Figisc

Sciopero benzinai, possibile colpo di scena nelle prossime ore: lo si capisce direttamente dalle parole da parte del numero uno della Figisc

Sciopero benzinai
Sciopero benzinai (Ansa Foto) Notizie.com

Nella giornata di ieri, martedì 24 gennaio, il governo ci ha provato in tutti i modi a cercare di far cambiare idea ai vertici alti dei gestori di carburanti del nostro Paese. Tanto è vero che il ministro delle Imprese e del ‘Made in Italy’, Adolfo Urso, ha convocato una riunione straordinaria. La stessa iniziata alle ore 15, a poche ore dall’inizio dello sciopero. Si era vociferato di un possibile passo indietro, ma alla fine non è accaduto nulla del genere. Lo sciopero, subito dopo la riunione, ha avuto inizio alle ore 19.

Tanto da essere confermato fino alla giornata di domani, giovedì 26 gennaio, sempre alla stessa ora. 48 ore da incubo per gli automobilisti che sono stati danneggiati, sicuramente per una colpa non loro. Nel frattempo, però, arrivano altri clamorosi colpi di scena in merito a questa vicenda. Direttamente dal numero uno della Figisc (Federazione italiana gestori impianti stradali carburanti), Bruno Bearzi. Il tutto subito dopo l’assemblea che ha visto come protagoniste le tre sigle dei gestori di carburanti.

Sciopero benzinai, Figisc: “Possibile revoca

Sciopero benzinai
Sciopero benzinai (Ansa Foto) Notizie.com

E’ stato lo stesso Bearzi a confermare che si potrebbe verificare una possibile revoca dello sciopero, iniziato nella serata di ieri. Queste sono state alcune delle parole che ha riportato l’agenzia di stampa ‘Ansa‘: “La convocazione da parte del ministero va incontro alla nostra richiesta di capire come è strutturato l’emendamento.

L’incontro con i tecnici, a partire dal capo del legislativo, è importante e potrebbe essere l’elemento che fa cambiare la linea di condotta della protesta e revocare il secondo giorno di sciopero. A questo punto sono ore piuttosto decisive: non è da escludere che possano esserci delle novità importanti nella giornata di oggi. Nel frattempo molti automobilisti si stanno lamentando di questa decisione che li ha danneggiati non poco in questa giornata.