Milan e Inter, il nuovo stadio è sempre più un caso: le parole di Scaroni

Il presidente del Milan, parlando ai giornalisti presenti alla Camera, ha detto che il Milan avrà il suo stadio e prospettato tre ipotesi

La questione stadio, a Milano, diventa sempre più spinosa. La matassa non si sbroglia e ora i club cominciano a valutare anche alternative. Il progetto iniziale prevedeva l’abbattimento di San Siro e la creazione della cosiddetta “cattedrale” progettata dallo studio Populous con capienza di circa 65 mila spettatori e una serie di progetti da realizzare intorno all’impianto: aree verdi, parcheggi interrati, strutture per attività sportive e ricreative. Un vero e proprio quartiere verde e dedicato allo sport. Eppure gli intoppi non mancano e ora Milan e Inter – quando tutto sembrava a posto – valutano anche progetti alternativi. La questione San Siro è spinosa, perché il Governo non vuole l’abbattimento del “Meazza” e questo irrita non poco Inter e Milan.

Stadio San Siro
Foto Marco Alpozzi/LaPresse 11 Gennaio 2023 – Milano, Italia – sport, calcio – Milan vs Torino – Coppa Italia Frecciarossa 2022/2023 – Ottavi di Finale – Stadio San Siro Nella foto: January 11, 2023 Milan, Italy – sport, calcio – MIlan vs Torino -Frecciarossa Italian Cup 2022/2023 – Round of 16 – San Siro Stadium In the pic:

Stadio Inter e Milan, Scaroni: “Avremo il nostro impianto, vedremo dove”

Il vincolo relazionale sulla Scala del Calcio, a cui potrebbe aggiungersi quello monumentale che scatta dopo 70 anni (nel 2024), può mandare in soffitta senza appello oltre tre anni di lavori di Inter e Milan.  Il Comune di Milano per ora non si espone, aspetta le decisioni da Roma per non entrare in conflitto con il governo e soprattutto veder sconfessato il proprio ok. Milan e Inter fremono e sono irritate, pensare di avviare la redazione del progetto esecutivo sul distretto di San Siro (costo 40 milioni circa) senza il via libera di Palazzo Marino è rischio che le società non vogliono assolutamente correre. E così torna a farsi largo l’ipotesi di traslocare a Sesto.

San Siro
La trasferta di Milano era vietata per i tifosi residenti in Campania – Notizie.com – © Ansa

Il presidente del Milan, Paolo Scaroni, parlando alla Camera ha fatto il punto della situazione: “Il Milan incassa 40 milioni per lo stadio. Come facciamo a livello internazionale a competere con entrate così basse? Perciò vogliamo assolutamente il nuovo stadio. Stiamo portando avanti in parallelo tre progetti, a partire dal rifacimento di San Siro. Un altro è quello di Sesto e un altro ancora non lo dico, è una carta coperta. Se non sarà San Siro, il Milan se lo farà da solo. Non molliamo il colpo, io vi assicuro che il Milan avrà il nuovo stadio. Il primo che si sblocca, ci butteremo a pesce”. Insomma tutto è ancora in ballo e certezze non ce ne sono, tranne che il Milan vuole il suo nuovo stadio e magari anche in tempi non biblici. Letizia Moratti, candidata sindaco di Milano per IV e Azione, ha anche prospettato un’altra ipotesi: “Lo stadio di San Siro? Ma perché non pensare che resti all’Inter e il Milan vada a costruire un nuovo stadio per esempio a Sesto?”. Chissà.