Inter, Inzaghi è interdetto: “Non mi era mai successo…”

Il tecnico nerazzurro, dopo la sconfitta subita in casa contro l’Empoli, ha commentato amaramente un episodio decisivo

La sconfitta contro l’Empoli probabilmente mette la parola fine alla rincorsa scudetto dell’Inter. Ora la distanza dal Napoli e dalla vetta è siderale, il pareggio di Monza e il tonfo interno contro i toscani di Paolo Zanetti hanno mandato in fumo la vittoria contro gli azzurri del 4 gennaio e portato Lautaro e compagni a -13 dalla testa della classifica. Impossibile oggi pensare allo Scudetto e anzi occhio alle spalle con la Roma che s’è appaiata a quota 37, l’Atalanta distante solo due punti e la Lazio che deve giocare ancora contro il Milan. La vittoria in Supercoppa sembra già un ricordo, perché la sconfitta firmata Baldanzi è un macigno sulle ambizioni tricolori dell’Inter.

Simone Inzaghi (Ansafoto) Notizie.com
Simone Inzaghi (Ansafoto) Notizie.com

Inter, Inzaghi recrimina: “Mai successo di rimanere in dieci dopo 35’…”

E molti tifosi cominciano a chiedersi di chi siano le responsabilità, se dell’allenatore e di una squadra che troppo spesso sembrano perdersi in un bicchier d’acqua o di una società che non sembra dare messaggi di ambizione e forza. Certo è che il ko interno contro l’Empoli ha lasciato il segno, una sconfitta figlia anche dell’espulsione di Milan Skriniar, altro giocatore nell’occhio del ciclone per aver detto no alla proposta di rinnovo della società. Skriniar ha rimediato due gialli in 40 minuti, gialli sacrosanti, ineccepibili, nonostante le proteste dei giocatori nerazzurri. Gialli che a caldo non hanno convinto però Simone Inzaghi.

Formazioni ufficiali Monza-Inter
Simone Inzaghi (Foto LaPresse) Notizie.com

Il tecnico dell’Inter ai microfoni di Dazn è apparso spiazzato dalla scelta di Rapuano di espellere il difensore slovacco: “Sapevamo che avremmo avuto delle difficoltà, non eravamo nella nostra miglior serata ma l’inferiorità numerica ci ha penalizzato. Poi quando nel secondo tempo eravamo in un buon momento abbiamo preso gol per troppa generosità e voglia di fare. L’espulsione di Skriniar? Non ho rivisto bene gli interventi, ma una doppia ammonizione in casa in 35′ non mi era mai capitata, Milan lo vedo tranquillo, lavora sereno e gioca bene, so che c’è questa fase di stallo sul rinnovo ma la società ci sta lavorando”. In effetti non era mai capitato a Inzaghi di rimanere in dieci – per doppia ammonizione – nella prima frazione di gioco, a lui che è sempre molto attento a togliere dal campo un calciatore quando riceve il primo giallo. Non è accaduto ieri però, era ancora il primo tempo e Inzaghi era convinto che Skriniar potesse gestire la prima ammonizione commenta dal direttore di gara. Così non è stato e l’Inter ha pagato a caro prezzo l’ingenuità del suo capitano.