“Dybala, Sarri e i giocatori della Juve rischiano una lunga squalifica”

L’esperto sul processo Juve: “Ho letto tutte le carte dell’inchiesta. I giocatori e Sarri rischiano grosso. Ecco cosa potrebbe accadere”

“La penalizzazione di quindici punti inflitta alla Juventus, non è che la punta dell’iceberg. Se la Giustizia sportiva farà il suo corso, succederanno anche altre cose e potrebbero esserci sorprese in negativo per la Juventus”. Secondo il giornalista Carmelo Giuffrè, esperto di carte federali, i bianconeri rischiano grosso nel secondo filone del processo sportivo: quello che riguarda gli accordi con i propri tesserati per gli stipendi arretrati. Ma a rischiare, sarebbero anche i calciatori e i tecnici.

Sarri,Dybala
I giocatori della Juve e Sarri rischiano la squalifica (Lapresse) – Notizie.com-

“Da tempo sottolineo che la Juventus è in un mare di guai. Ma oltre al club bisogna valutare bene la situazione dei calciatori, che a mio modo di vedere rischiano molto. Ci sono delle intercettazioni chiare”. I bianconeri hanno già subito una penalizzazione di 15 punti.Molti credono che sia per le plusvalenze – continua Giuffrè in esclusiva a Notizie.com – in realtà su questa vicenda c’è stata un’ampia disinformazione. La Giustizia Sportiva non ha punito il club bianconero per le plusvalenze e lunedì, quando usciranno le motivazioni, sarà tutto molto più chiaro. Si farà riferimento all’art.4, i principi di lealtà sportiva. Per tutto quello che emerge, basta e avanza citare l’art. 4 per punire i bianconeri in classifica. Esistono infatti rilievi di condotta fraudolenta chiara. Basta prendere anche le dichiarazioni davanti ai Pm di Chiellini e Cherubini”.

Ma a rischiare sarebbero soprattutto i calciatori: “La vera questione è sulla manovra stipendi. Un tipo di condotta fraudolenta, che ha come conseguenza la falsificazione del bilancio per almeno 160 milioni. Noi, attraverso le intercettazioni e i colloqui, abbiamo scoperto che i calciatori sono diventati parte attiva in questo atto fraudolento. La società li ha convinti a mentire, chiedendo loro di dire in pubblico che avrebbero rinunciato a tre mensilità, mentre in realtà avrebbero rinunciato solo ad una mensilità e le altre le avrebbero percepite nell’esercizio successivo”.

Juventus
I dirigenti della Juve, il club e i calciatori rischiano grosso (Ansa) – Notizie.com-

Ma cosa rischiano i calciatori che facevano parte di quella squadra?Di essere squalificati: alcuni potrebbero avere anche altre conseguenze, avendo mentito davanti ai pm. Prima ipotesi: potrebbero essere squalificati per un mese avendo seguito la società in un comportamento giudicato fraudolento. E parlo di tutti: Dybala, Bentancur, lo stesso tecnico Sarri. L’unico a non aver firmato quella carta è stato Ronaldo. Per tutti loro, secondo il regolamento Figc, potrebbe esserci una squalifica di almeno un mese. Ma c’è un’altra ipotesi. L’art.31 riguarda le violazioni in materia economica e gestionale e dice cose chiare”.

L’articolo 31 e i rischi per i calciatori

Dybala Juventus
Dybala, Bentancur, Kulusevski e tutti i giocatori della Juve del 2020 a rischio (Lapresse) – Notizie.com-

Andiamolo a leggere: Nel secondo comma, viene spiegato che: “La società che, mediante falsificazione dei propri documenti contabili o amministrativi ovvero mediante qualsiasi altra attività illecita o elusiva, tenta di ottenere od ottenga l’iscrizione a una competizione cui non avrebbe potuto essere ammessa sulla base delle disposizioni vigenti, è punita con una delle sanzioni previste dall’art. 8, comma 1, lettere g), h), i), l).  Giuffrè evidenzia che  “entrando in questa violazione i rischi sono alti: il comma richiama ai due anni di interdizione. Potrebbe valere anche per i giocatori? Teoricamente si, essendo tesserati. Quindi i calciatori potrebbero subire o una squalifica soft di un mese, secondo il comma 8 (I tesserati che pattuiscono con la società o percepiscono comunque dalla stessa compensi, premi o indennità in violazione delle norme federali sono soggetti alla sanzione della squalifica di durata non inferiore a un mese ndr)”.

“Se, invece, si dimostra che i calciatori sono parte attiva nella frode sulla manovra degli stipendi, il rischio è quello di avere uno stop molto più lungo”.