Viene adescato in una chat di incontri, ma è una trappola

Viene adescato in una chat di incontri, ma si è trattato di una trappola. Disavventura per un uomo di 32 anni che ha vissuto attimi da incubo. Il giovane ha raccontato tutto alla polizia che ha avviato le prime indagini 

Viene adescato in chat
Polizia (Ansa Foto) Notizie.com

Mai e poi mai si sarebbe aspettato di finire in una trappola. Purtroppo per lui è andata esattamente così. Vittima un uomo di 32 anni, convinto di incontrare una ragazza che aveva conosciuto su una chat di incontri. Ed invece ha vissuto minuti da incubo e soprattutto interminabili. Prima è stato sequestrato, successivamente picchiato e poi rapinato. Il tutto è accaduto nella giornata di venerdì pomeriggio. L’aggredito, residente a Frascati, ha vissuto momenti da incubo. Ad incastrarlo una straniera di origini polacche, ma da tempo residente a Roma. Dopo alcuni messaggi sono passati direttamente alle telefonate, con tanto di appuntamento in quel di via Casilina.

Arrivato a destinazione, in aperta campagna davanti ad un prefabbricato, la vittima aveva già capito che qualcosa non stesse andando per il verso giusto. A convincerlo, però, proprio la ragazza che lo aveva rassicurato che non c’era alcun pericolo. Ed invece è accaduto tutt’altro: ad “accoglierlo” un uomo ed una donna armati di coltello e pistola con il volto coperto da passamontagna. Il 32enne era circondato. Lo hanno picchiato e minacciato con le loro armi. Si sono fatti consegnare il denaro che aveva con sé, ma a quanto pare il bottino che avevano raccolto non era abbastanza. Non contenti lo hanno trascinato in un’Alfa Romeo e sono andati in un bancomat della zona per farlo prelevare.

Adescato in chat, ma era una trappola: arrestati in tre

Fermato un poliziotto
Polizia (Ansa Foto) Notizie.com

Il ragazzo, sotto shock per via delle continue minacce, ha sbagliato ad inserire il pin bloccando la sua carta. Dopo un momento di distrazione dei malviventi il 32enne è riuscito a liberarsi di loro. Attirando l’attenzione di alcuni passanti. La coppia è scappata con la loro auto. Sul posto sono arrivati i poliziotti del reparto Volanti che hanno aperto subito le indagini. Successivamente sono stati trovati coltello, la pistola e i passamontagna. Proprio nel luogo dell’appuntamento.

All’interno del prefabbricato sono stati trovati anche i due ladri. Si tratta di Aleksandra Benedetta M. di 25 anni.  ed il suo complice Salvatore E. di 23 anni. Non solo: anche la compagna Gianna L., 23enne. Tutti e tre di loro sono stati arrestati. Ora dovranno rispondere di sequestro di persona a scopo di estorsione e rapina aggravata. Durante le indagini sono stati trovati tre minori, figli della coppia. In una delle stanze del locale. Nelle prossime ore i tre verranno nuovamente interrogati. Non è da escludere che in passato abbiano effettuato altri colpi del genere, utilizzando la stessa tecnica.