Roma, madre e figlia trovate morte in casa: novità dagli inquirenti

Roma, continuano le indagini per quanto riguarda il ritrovamento dei cadaveri di madre e figlia nel loro appartamento. Nel frattempo gli inquirenti annunciano delle importanti novità

Roma, madre e figlia trovate morte in casa
Polizia (Ansa Foto) Notizie.com

Una vicenda che, nella Capitale, ha lasciato tutti completamente sotto shock. Ovvero quella che riguarda il ritrovamento dei cadaveri di due donne. Si tratta di madre e figlia, ovvero quello di: Elena Bruselles e Laura Costantini. A distanza di un mese dall’altra. Il mistero si affligge sempre di più. Ricordiamo che, i loro corpi, sono stati ritrovati la settimana scorsa: precisamente il 19 gennaio. Proprio nella lor abitazione nel quartiere di Primavalle. Di conseguenza, gli inquirenti, hanno trovato anche dei resti di riti esoterici. Gli inquirenti, nel frattempo, sono riusciti a rintracciare il vecchio compagno di Luana. A quanto pare lo stesso era il capo della setta a cui lei apparteneva. Aveva abbandonato quella casa da un bel po’ di tempo, ma gli agenti sono riusciti a rintracciarlo in Puglia.

Tanto è vero che questo Paolo Rosafio si faceva chiamare lo “Sciamano“. Era, appunto, l’e fidanzato e convivente della 54enne Luana. Gli inquirenti hanno fatto chiarezza visto che non è indagato per la morte delle due donne, ma comunque si continua a rimanere sulle sue tracce per altri motivi. Ovvero per capire cosa accadeva in quell’appartamento dove sono stati ritrovati dei candelotti ed una tunica. Gli stessi che, a quanto pare, servivano per far avvenire dei pericolosi riti di evocazione. Il quotidiano ‘La Repubblica‘ è riuscito a rintracciarlo. Non ha rilasciato molte dichiarazioni, ma ha voluto fare chiarezza in merito alla sua posizione.

 

Roma, madre e figlia ritrovate morte: si indaga sullo ‘Sciamano’

Roma, madre e figlia trovate morte in casa
Polizia (Ansa Foto) Notizie.com

L’uomo è stato rintracciato nella provincia di Lecce, dove vive in casa della madre. Lo ‘Sciamano’ avrebbe rilasciato queste dichiarazioni al noto quotidiano italiano: “Sto per fatti miei, a casa di mia madre, chiarirò tutto alla polizia“. Dunque, a questo punto, si aspetta solamente il giorno in cui lo stesso si presenterà in caserma per raccontare la sua versione dei fatti e, soprattutto, rilasciare quello che sa di questa vicenda. Nel frattempo, però, le novità non sono finite. Sempre alla ‘Repubblica’ ha parlato il suo amico, Roberto. Lo stesso ha affermato che l’uomo è andato via da Roma il giorno dopo Natale.

Anche se, alcune persone, hanno affermato un’altra data: vale a dire l’11 gennaio. Un rito di Halloween che aveva fatto perdere lucidità alla donna. Paolo, per paura, aveva deciso di lasciare quella casa. Tanto è vero che Roberto ha raccontato degli aneddoti particolari su quello che accadeva in quella casa: “Ci lanciava coltelli, aveva crisi epilettiche, ero obbligato a chiudere la porta a chiave perché nel bel mezzo della notte si alzava e rimaneva immobile a fissarmi“. Chi conosceva Luana afferma che si sarebbe lasciata andata a morire. Probabilmente facendo uso di cocaina, ma per il momento si tratta solamente di voci.