Juventus, Allegri: “-15 punti? Non cambia nulla. Resto qui, a meno che…”

In occasione della vigilia del match di campionato contro l’Atalanta, è intervenuto in conferenza stampa l’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri. Il manager livornese si è soffermato a lungo per quanto riguarda la decisione della Corte Federale di punire i bianconeri con -15 punti di penalizzazione in campionato per la vicenda delle “plusvalenze”

Allegri in conferenza stampa
Massimiliano Allegri (Foto LaPresse) Notizie.com

E’ stato un venerdì molto movimento quello che hanno vissuto i tifosi bianconeri e, soprattutto, il club. La Corte Federale d’Appello, in merito alla vicenda delle “plusvalenze“, ha deciso di punire solamente la Juventus con -15 punti in classifica. Prosciogliendo tutte le altre squadre che, in un primo momento, erano state coinvolte. In occasione della conferenza stampa, del match di domani contro l’Atalanta di Gasperini, è intervenuto il tecnico Massimiliano Allegri. Quest’ultimo ha fatto sapere ai giornalisti che i suoi calciatori, staff tecnico ed altro è concentrato esclusivamente alla partita di domani all’Allianz Stadium.

Quando gli è stato chiesto se fosse cambiato qualcosa con la penalizzazione la risposta non si è fatta attendere: “Non cambia niente. Dobbiamo fare comunque dei punti. Vincere domani e avvicinarsi al settimo posto. Dobbiamo fare il meglio possibile“. Ci ha tenuto a precisare che le vicende giudiziarie riguardano la società: “Ci sarà un ricorso come hanno comunicato gli avvocati. Noi dobbiamo pensare solamente al campo ed effettuare un grande girone di ritorno“.

Il mister ha continuato dicendo: “Alla Juve non si gioca mai con leggerezza, ma solo perché abbiamo una pressione per poter vincere. Dobbiamo fare il nostro dovere, poi ci sarà la sentenza definitiva fra due mesi. Non dobbiamo avere rimpianti. Bisogna ricompattarsi con i tifosi ancora di più. Ci siamo passati anche con le dimissioni dell’intero CDA”. Verso le ore 14:30 ci sarà un incontro tra il presidente Gianluca Ferrero, l’ad Maurizio Scanavino ed il resto della squadra.

Juventus, Allegri: “Sono e sarò l’allenatore, a meno che…

Allegri in conferenza stampa
Massimiliano Allegri (Foto LaPresse) Notizie.com

Per Allegri non ci sono dubbi: “Non c’è molto da dire alla squadra, sanno bene cosa fare in questi momenti. Per noi non è cambiato niente“. In merito ad un suo futuro ha risposto così: “Io sono l’allenatore della Juventus e rimarrò tale. A meno che non mi mandino via. Nei momenti di difficoltà bisogna assumersi le responsabilità per poter far bene“. Guai, però, a parlare di “gravità della situazione”: “Bisogna accettare la sentenza. Noi dobbiamo fare il massimo e restare in silenzio e partire da questi 22 punti“.

In conclusione ha voluto ribadire il suo dispiacere per la squalifica dell’attuale direttore sportivo del club, Federico Cherubini, così come per l’ex presidente Andrea Agnelli e tutto il resto della vecchia dirigenza. “Quando mi hanno detto dei 9 punti ho fatto un calcolo per capire quanto mancasse alla Champions. Dopo che sono diventati 15 ne ho fatto un altro. Serve un qualcosa di straordinario per arrivarci ora“.