Matt Reeves critica i Batman di Nolan e Tim Burton!

Dopo il successo di critica e pubblico del primo The Batman, Matt Reeves ha finalmente iniziato a dare i primi dettagli sull’attesissimo secondo capitolo.

Il regista statunitense, dopo aver specificato che la saga di The Batman procederà parallelamente al DC Universe, è entrato nel merito dello sviluppo narrativo della saga, lanciando indirettamente una frecciatina alle precedenti pellicole con protagonista l’uomo pipistrello.

Robert Pattinson in The Batman, Notizie.com 1200

In particolare Reeves ha criticato l’eccessiva focalizzazione della sceneggiatura sui personaggi antagonisti della vicenda, tendenza di molti lungometraggi di Batman, che a parer suo penalizzerebbe l’analisi psicologica del protagonista.

Reeves vuole focalizzarsi su Robert Pattinson

Nonostante Reeves evidenzi tale sostanzialmente come un difetto dei film, l’accurata caratterizzazione psicologica dei villain di Batman è senza dubbio uno dei punti di forza di film come Il cavaliere oscuro di Christopher Nolan o il primo Batman di Tim Burton: la raffinata scrittura del personaggio di Joker, ha rappresentato per entrambe le pellicole una inesauribile fonte di spessore drammaturgico, senza il quale probabilmente oggi non ne staremmo parlando come i due migliori film basati sull’universo dell’uomo pipistrello.

Matt Reeves sul set di The Batman, Notizie.com

Essendosi occupato anche della sceneggiatura e in generale delle scelte narrative della saga da lui concepita, Reeves ha dichiarato: “Per me, il fulcro di questa saga è l’interpretazione di Rob [Pattinson]. Credo che sia davvero speciale in questo ruolo. Il mio obiettivo è sempre stato quello di realizzare queste storie dal punto di vista di Batman, così da avere il personaggio principale sempre come centro emotivo della storia. Perché in passato molto spesso è successo che, dopo aver fatto il primo incentrato su Batman, improvvisamente arrivavano altri personaggi, spesso nemici, e in un certo senso prendevano il sopravvento su Batman a livello narrativo, lasciando il protagonista un po’ in secondo piano”. C’è anche da evidenziare quanto il personaggio di Bruce Wayne (Batman), sin dalla sue origini, sia caratterizzato da una sostanziale apatia, che contrapposta alla distorta vitalità di personaggi come Joker, arricchisce esponenzialmente le sceneggiature dei cinecomic in questione. Nonostante ciò siamo curiosi di vedere come Reeves tenterà di approfondire ulteriormente il personaggio interpretato da Robert Pattinson.