È morta la persona più anziana al mondo, aveva 118 anni

Lucile Randon era conosciuta come Suor André e nel 2022 aveva ereditato il titolo di “decana dell’umanità” da una donna giapponese di 119 anni. La religiosa è morta nel sonno a Tolone

È morta la persona più anziana conosciuta al mondo: Lucile Randon se n’è andata all’età di 118 anni. Lo ha reso noto il suo portavoce. Randon, conosciuta come Suor André, era nata nel sud della Francia l’11 febbraio 1904, quando mancava ancora un decennio all’inizio della prima guerra mondiale.

Il momento
Suor André la donna più anziana del mondo è morta a 118 anni (Ansa Notizie.com)

Suor André aveva ereditato il titolo di ‘decana dell’umanita” nell’aprile 2022 dopo la morte di Kane Tanaka, una donna giapponese di 119 anni. La monaca è morta nel sonno nella notte, nella casa di riposo dove viveva, a Tolone. “È morta alle 2:00 del mattino. C’è una grande tristezza ma lei lo voleva, era il suo desiderio di raggiungere il suo amato fratello. Per lei è una liberazione”, ha spiegato David Tavella, responsabile della comunicazione al Sainte-Catherine-Labouré istituto residenziale per anziani non autosufficienti dove risiedeva.

Ma chi era Suor André?

L'addio
Suon Andrè, la donna più anziana del mondo aveva 118 anni (Facebook Notizie..com)

Suor Andrè era nata nel sud della Francia l’11 febbraio 1904, quando mancava ancora un decennio all’inizio della prima guerra mondiale. Aveva ereditato il titolo di “decana dell’umanità” nell’aprile 2022 dopo la morte di Kane Tanaka, una donna giapponese di 119 anni. Nessun organo ufficiale in realtà attribuisce questi titoli di decana o di decano, ma gli esperti della materia hanno convenuto che la suora fosse, al momento, la persona vivente più anziana il cui stato civile fosse stato accertato.

Il primato di Suor Andrè era stato registrato nel Guinness dei primati il 25 aprile scorso. Da diversi anni non nascondeva una certa stanchezza: voleva “ritirarsi da questa vicenda”. Ma “il buon Dio non mi ascolta”, confidò all’agenzia francese AFP che l’aveva incontrata a lungo nel gennaio 2022. Inchiodata su una sedia a rotelle, cieca, Suor André rimpiangeva di aver perso parte delle sue capacità fisiche: “dicono che il lavoro uccide, per me è stato il lavoro a farmi vivere, ho lavorato fino a 108 anni”, ha raccontato nell’aprile 2022 quando è stata nominata decana dell’umanità, dopo essere stata decana dei francesi e poi degli europei.