Twitter, l’ultima decisione di Musk continua a spiazzare gli utenti

Twitter, arriva l’ultima decisione da parte del proprietario Elon Musk che continua a sorprendere tutti gli utenti del social network

Elon Musk stupisce ancora tutti
Elon Musk (Ansa Foto)

Oramai il suo profilo ufficiale Twitter regala sorprese da un giorno all’altro. Proprio nelle ultime ore è arrivata l’ultima decisione ufficiale da parte del proprietario Elon Musk. Con un tweet ha annunciato, a tutti coloro che lo seguono e gli utenti del mondo, una importante novità. Ovvero il ripristino dell’account che lo hanno “doxxato“, in merito alla sua posizione. Ovviamente la decisione è arrivata tramite un sondaggio.

In particolar modo si riferisce ai giornalisti della carta stampata del ‘New York Times‘, della ‘CNN‘ e del ‘Washington Post‘. Ricordiamo che erano stati, appunto, banditi dai social network per aver tracciato e postato i movimenti del suo jet privato. I risultati parlano chiaro: il 59% ha votato per il ritorno dei giornalisti sul social. La sua decisione, di sospendere i loro account, non era stata per nulla accettata dalle Nazioni Unite e dall’Unione Europea.

Twitter, Musk ripristina account giornalisti che lo avevano “doxxato”

Musk ripristina account di giornalisti banditi dal social
Twitter (Ansa Foto)

La sua decisione, come riportato in precedenza, è stata condannata anche dall’Onu che ha fatto sapere: “La libertà dei media non è un giocattolo“. Adesso pare che la situazione sia tornata come prima. Non sono assolutamente da escludere altri colpi di scena in merito a questa vicenda. Per il momento non è arrivato ancora alcun commento da parte dei giornalisti in questione che si sono stati appunto bloccati dal nativo di Pretoria.

L’imprenditore, nella giornata di ieri, è stato minacciato dal commissario europeo, Vera Jourova, in merito a possibili sanzioni sulla nuova legge europea sui servizi digitali. La stessa che richiede il totale “rispetto della libertà dei media e dei diritti fondamentali“. Una linea che, a quanto pare, Musk ha superato di gran lunga.

Impostazioni privacy