Elton John esce da Twitter: “Mi rattrista la disinformazione che fa”

Il cantante britannico contro Elon Musk: “Il recente cambiamento di politica permette che prosperi senza controllo”

Un attacco frontale e senza mezze misure. Elton John contro Elon Musk. Twitter non gli piace più e decide di uscire senza pensarci troppo. Una scelta che sta facendo discutere e ha lasciato esterrefatti tanti suoi fan. “Per tutta la vita ho cercato di usare la musica per unire le persone. Eppure mi rattrista vedere come la disinformazione venga ora utilizzata per dividere il nostro mondo. Ho deciso di non utilizzare più Twitter, dato il loro recente cambiamento di politica che consentirà alla disinformazione di prosperare senza controllo”.

Il cantante
Il famoso cantante Eton John (Ansa)

Il clamoroso annuncio è proprio del cantante inglese che mal sopporta la decisione di Musk e l’orientamento che sta prendendo da quando il popolare social ha cambiato proprietà. Una decisione di Elton John che, proprio attraverso un post su Twitter, comunica la sua volontà di uscire dal social acquisito recentemente dal magnate Elon Musk.

Elton John è uno dei tanti vip che ha deciso di lasciare

Il cambiamento
A causa di Musk Elton John ha deciso di lasciare Twitter (Ansa)

La pop star britannica esprime così un palese dissenso sulla ‘linea editoriale’ scelta dal nuovo proprietario di Twitter, inserendosi nella lista dei vip hollywoodiani che, in un modo o nell’altro, contestano la rivoluzione di Musk nella gestione del social network, da Stephen King a Toni Braxton fino all’attrice Tea Leoni. Il re dell’horror americano, in uno scambio con lo stesso Elon Musk, aveva sottolineato di volersi rifiutare di pagare 20 dollari per la ‘spunta blu’ affianco al proprio nome. “Col cavolo, dovrebbero pagarmi loro“, aveva scritto. Proseguendo poi: “Musk mi fa pensare a Tom Sawyer, a cui viene affidato il compito di imbiancare una recinzione come punizione. Non solo Tom convince i suoi amici a fare il lavoro al posto suo, ma anche a pagare per il privilegio”.

Moltissimi sono quelli però, va detto, che sostengono il nuovo corso di Twitter, che sceglie di essere più permissivo e aperto alla libertà di espressione, senza ‘censure’. Tra gli ‘estimatori’ del magnate di origine sudafricana c’è Matteo Salvini: “Non vedo l’ora di incontrarlo'”, aveva dichiarato dopo le prime scelte di Musk dopo l’acquisizione di Twitter.

Impostazioni privacy