Nba, malore in diretta televisiva: attimi di terrore [VIDEO]

Nel corso della partita tra Atlanta Hawks e Oklahoma City Thunders, momenti di panico nel corso della telecronaca. Il 69enne commentatore dei padroni di casa, Bob Rathbun, è crollato a terra dopo aver avuto delle convulsioni

La diretta televisiva del match Nba tra Atlanta Hawks e Oklahoma City Thunders, lunedì sera, è stata segnata da scene di panico nella troupe televisiva e nel pubblico. Il commentatore Bob Rathbun, 69 anni, della franchigia di Atlanta, ha subito un malore improvviso mentre raccontava la partita insieme a Dominique Wilkins.

Nba
Malore in diretta durante una partita Nba (Ansa) – Notizie.com

Mentre il commentatore parlava, ha iniziato ad avere convulsioni e ha perso conoscenza. Tuttavia, ciò che ha causato ancora più stupore è stato il ritardo di Wilkins nel rendersi conto di ciò che stava accadendo. Quando la testa di Bob Rathbun è caduta all’indietro, si può vedere vedere la mano di un produttore, che stava cercando di avvertire dello svenimento, entrare nell’inquadratura per cercare di aiutarlo.

Nba, malore in diretta tv

Dopo l’incidente, gli Atlanta Hawks hanno rilasciato una dichiarazione in cui hanno affermato che il commentatore era disidratato e che era già in condizioni “stabili e reattive”, dopo essere stato portato in ospedale. Il club ha assicurato che il caso rimarrà sotto esame e Bob Rathbun sarà sottoposto a ulteriori esami.

Nba
Attimi di paura durante una partita degli Atlanta Hawks (Ansa) – Notizie.com

Questo il comunicato ufficiale della franchigia: “Prima della partita di stasera contro gli Oklahoma City Thunder, l’annunciatore Bob Rathbun ha perso brevemente conoscenza in campo. I professionisti medici di emergenza sulla scena curarono rapidamente Rathbun per la disidratazione. È stabile, reattivo e diretto a Emory Midtown per ulteriori valutazioni“. Successivamente, poi, è arrivata un’altra nota in cui è stato annunciato che lo stesso commentatore era stato rilasciato dall’ospedale dopo che i test a cui era stato sottoposto avevano dato esito negativo.

Impostazioni privacy