Lucia Raso morta in Germania: “Forse vittima di un tragico gioco”

Lucia Raso, è questo il nome della giovane morta in Germania dopo essere caduta da una finestra: si indaga su quanto accaduto.

Sono passati già due anni dalla notte tra il 23 e il 24 Novembre 2020, quando la giovane commessa di 36 anni, stando alle ricostruzioni, si sarebbe prima inginocchiata sulla finestra per poi scivolare e cadere dal primo piano del palazzo, dove era ad una festa insieme al suo compagno.

Lucia Raso
Lucia Raso, foto fonte Tgcom24. Notizie.com

Insieme a lei, presenti anche il fidanzato Christian Teo, e i due coinquilini Alessandro e Francesco, tutti erano sotto effetto di una grande quantità di alcool, come ha anche precisato l’autopsia che ha addirittura parlato di una: “intossicazione alcolica”.

“Una sorta di pericoloso senso del divertimento” è questa una parte della ricostruzione fatta dagli inquirenti che hanno ricostruito alla perfezione, quanto accaduto quella sera: la giovane infatti, dopo essersi sporta troppo dalla finestra, sarebbe finita con il perdere l’equilibrio.

Lucia Raso, parla il PM: “vittima di una dolorosa tragedia”

Lucia Raso sarebbe stata “vittima di una dolorosa tragedia” sono queste le conclusioni rese ufficiali dal Pm Stefano Aresu che ha portato avanti insieme i suoi collaboratori le indagini per ventiquattro mesi. A questo si aggiunge anche la richiesta di archiviazione per il compagno della giovane, presente al momento dei fatti e unico indagato per la sua morte.

Lucia Raso, foto fonte Tgcom24. Notizie.com

Il tragico epilogo sembra essere stato solo il risultato di un gesto fatale compiuto a causa della grande quantità di alcool presente nel corpo della ragazza al momento della festa, come anche accertato dall’autopsia.

La giovane aveva raggiunto in Germania il suo compagno Teo, che lavorava la come pizzaiolo: doveva essere un weekend d’amore ma è finito in una vera tragedia, inseguito alla terribile caduta di Lucia che ha trovato la morte dopo avere sbattuto la testa con violenza sul marciapiede: un epilogo che ancora oggi a distanza di due anni lascia tutti di stucco.