Boxe: Tyson e Holyfield soci, venderanno caramelle alla cannabis

I protagonisti del mitico incontro del 1997, che vide Tyson staccare un pezzo di orecchio dell’avversario con un morso, saranno soci in affari

Oggi i due ex campioni, fra i quali il tempo ha rinsaldato una stima reciproca, sono diventati soci e, in vista delle festività natalizie, stanno per lanciare sul mercato degli snack e delle caramelle gommose alla cannabis.

Evander Holyfield e Mike Tyson oggi –

Le loro sfide, per il titolo Mondiale dei pesi massimi, hanno fatto epoca, in particolare è diventato leggenda quella del 1997 quando Mike Tyson venne squalificato per aver staccato, con un morso, un pezzo dell’orecchio di Evander Holyfield.

Due pugili che hanno fatto la storia

Erano match indimenticabili quelli che assegnavano la corona più importante di quegli anni, la categoria più ambita, quella dei pesi massimi. Mike Tyson e Evander Holyfield si giocarono infatti il titolo di pugile più forte al mondo degli anni 90 e diventò indimenticabile il match del 1997 in cui ci fu il celebre morso all’orecchio da parte di Iron Mike. Oggi i due ex campioni sono avanti con gli anni, la loro vita si è tranquillizzata e hanno avuto modo di riavvicinarsi grazie comunque a una stima reciproca, mai intaccata da una enorme rivalità.

L’idea del business insieme nasce dal fatto che nel 2018 proprio Tyson aveva intrapreso l’attività di produttore di estratti di cannabis legale. Coltiva marijuana nel suo ranch di 16 ettari in California, in un angolo di deserto circa 95 chilometri a sud-ovest del Parco nazionale della Death Valley. Da qui l’idea di proporre un prodotto che fa riferimento al famoso match del 1997, ovvero gli snack ‘Holy Ears’ a forma di orecchio. A disposizione dei clienti ci saranno anche infusi di Thc che, come gli snack, verranno immessi sul mercato da una società che fa capo a Holyfield.

Il momento del celebre morso di Tyson a Holyfield –

In affari insieme

 “Mike e io abbiamo una lunga storia di competizione”, ha spiegato Holyfield, “ma anche di rispetto reciproco. E quella notte del 1997 ha cambiato entrambe le nostre vite.
Allora non ci rendevamo conto che anche come atleti di potenza soffrivamo molto. Ora, quasi 20 anni dopo, abbiamo l’opportunità di condividere la medicina di cui avevamo veramente bisogno durante le nostre carriere”. È un privilegio unire di nuovo le forze con il mio ex avversario e ora amico di vecchia data, “ha spiegato a sua volta Tyson in una nota, “e trasformare anni di battaglie sportive in una partnership che può avere un impatto positivo per far stare meglio le persone. Se avessi usato la cannabis al tempo, non avrei mai morso l’orecchio di Evanderha concluso amaro l’ex campione del mondo.