Supercoppa italiana, ufficiale la sede per la sfida tra Milan e Inter

La Lega Serie A con un comunicato ha annunciato la sede, l’orario e la data in cui si giocherà il derby di Milano con in palio il trofeo. I campioni d’Italia rossoneri se la vedranno con i nerazzurri vincitori dell’ultima edizione della Coppa Italia

Annunciati ufficialmente luogo, ora e data della Supercoppa EA Sports 2022-2023, che vedrà impegnati il Milan campione d’Italia e l’Inter vincitore dell’ultima Coppa Italia. La comunicazione arriva direttamente dalla Lega Serie A, che ha stabilito che la finale per l’assegnazione del trofeo tornerà ad essere disputata lontano dall’Italia.

Supercoppa italiana
La Supercoppa italiana torna ad essere giocata fuori dall’Italia a distanza di due anni dall’ultima volta. Il trofeo sarà assegnato a in Arabia Saudita, nel King Fahd International Stadium (Ansa) – Notizie.com

Il match sarà infatti giocato mercoledì 18 gennaio 2023 e si terrà precisamente a Riyadh, in Arabia Saudita. L’impianto che ospiterà il derby di Milano tra rossoneri e nerazzurri sarà il “King Fahd International Stadium”, con fischio d’inizio fissato alle ore 22.00 locali (20.00 ora italiana). La partita sarà trasmessa in diretta su Canale 5, che ha acquisito i diritti per l’evento.

Supercoppa italiana, i precedenti fuori dall’Italia

Supercoppa italiana
La vittoria a Pechino della Juventus della Supercoppa italiana: la Cina ha ospitato per quattro volte questo trofeo, tre di queste si sono disputater proprio a Pechino, l’altra a Shanghai (Ansa) – Notizie.com

Si tratta della 35esima edizione della Supercoppa, la 12esima che verrà giocata fuori dall’Italia. Dopo due anni in Italia, con le finali a Reggio Emilia e Milano (vinte rispettivamente da Juventus e Inter, la Supercoppa torna dunque nel Paese arabo, che ha già ospitato le edizioni 2018 e 2019 (a Jeddah e Riyadh). In passato la partita era stata disputata anche negli Stati Uniti (a Washington nel 1993 e ad East Rutherford nel 2003), in Cina (tre volte a Pechino nel 2009, 2011 e 2012, una a Shanghai nel 2015), in Libia (a Tripoli nel 2002) e in Qatar (a Doha nel 2014 e nel 2016).