Silvio Berlusconi insofferente: “Non ci consultano”, poi il passo indietro

Silvio Berlusconi sembra essersi mostrato molto insofferente verso le decisioni del Governo, salvo poi ritrattare.

Pare proprio che siano state delle ore davvero concitate quelle che hanno visto protagonista il Presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in proposito delle nuove decisioni prese dal governo che nei giorni scorsi si è riunito per il nuovo Consiglio dei Ministri.

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi, foto fonte Ansa. Notizie.com

Hai un pezzo di carta? Qualcosa?. No. E ti sembra normale? Fra un’ora vi riunite e noi non siamo stati consultati” sono queste le parole, secondo il Corriere della Sera che il Cavaliere avrebbe detto al Ministro degli Esteri Tajani. Sembra infatti che tra i vari partiti della maggioranza, non fossero nemmeno girate le bozze della Manovra, secondo le indiscrezioni pare che il motivo fosse stato detto in Preconsiglio, quando tutti i ministri erano stati informati di ricevere tutto il materiali online.

Insomma un momento di vera insofferenza la sua che poi però sembra avere fatto un notevole passo indietro, smentendo tutto.

Silvio Berlusconi infastidito da Giorgia Meloni: poi il dietrofront

Come accennato prima, i giorni scorsi per l’ex Premier sono stati davvero agitati, il motivo è tutto da ricondursi alle nuove decisioni del Governo sulla Manovra economica che stando alle indiscrezioni del Corriere della Sera, non sarebbero arrivate per tempo a tutti i componenti dei vari partiti.

Silvio Berlusconi, foto fonte Ansa. Notizie.com

Tra i vari argomenti all’ordine del giorno, forse il punto focale era quello che riguardava proprio il Reddito di Cittadinanza, pare che il Presidente di Forza Italia avesse qualcosa da ridire sul fatto che nessun dei suoi esponenti di partito presenti al Governo, avessero preso parte alla riunione fatta su questo argomento: “Va bene che Tajani é all’estero ma potevano chiamare il ministro Pichetto Fratin, dato che si è parlato di risorse per l’energia”.

Insomma una situazione incresciosa che non sembra essere la prima volta a presentarsi, i primi dissapori poi rientrati erano nati già al debutto del nuovo Governo e anche oggi come allora, in seconda battuta le cose sembrano essere cambiate. Sempre dalle notizie riportate dal Corriere della Sera, dopo un primo momento, pare che il Cavaliere abbia fatto un notevole passo indietro parlando di Giorgia Meloni e affermando: “Ha fatto quello che poteva fare. Il meglio possibile. Se avrete delle obiezioni, mi raccomando di fargliele con garbo”.