Reddito di Cittadinanza cambia tutto: “Formazione obbligatoria”

Cambia tutto per il reddito di cittadinanza, da adesso in poi per poter beneficiare del sussidio serve una formazione obbligatoria.

“Siamo ancora nella fase di studio. Abbiamo proposto di non estenderlo più a vita ma con una tempistica precisa per chi è abile al lavoro: 18 mesi di reddito con sei mesi di stop con formazione e inserimento nel mondo del lavoro, poi un decalage di 12 mesi. Arriviamo a un percorso di 36 mesi di reddito e poi si esce” sono queste le parole del sottosegretario al Lavoro della Lega Claudio Durigon.

Reddito di Cittadinanza
Reddito di Cittadinanza, foto fonte Ansa

La notizie era già nell’aria da diverso tempo, con il nuovo Governo guidato da Giorgia Meloni le cose nei confronti di questo sussidio, fortemente voluto dal Movimento Cinque Stelle, cambieranno in modo radicale.

Ma non è tutto, pare infatti che la precisa volontà del governo stesso sia quello di far fare a chi lo riceve una formazione obbligatoria per potere continuare a riceverlo. Ma approfondiamo il discorso.

Reddito di Cittadinanza: “Chi può andare a lavorare deve farlo”

La notizie sui cambiamenti per il Reddito di cittadinanza erano nell’aria già da tempo e l’insediamento del nuovo Governo non ha fatto altro che confermarli in modo definitivo.

Noi non diciamo che il reddito di cittadinanza deve essere represso. Ma che chi può andare a lavorare deve farlo. Chi percepisce il reddito deve avere la formazione adeguata per rientrare nel mondo del lavoro, non bisogna pensare che non si possono accettare offerte congrue” ha continuato sempre nel suo discorso Durigon, intervenuto all’Auditorium della Musica davanti alla platea dei manager dell’assemblea nazionale della Cida.

Reddito di Cittadinanza, foto fonte Open

Proprio in questo momento, infatti il Ministero del Lavoro sta ragionando su tutti i cambiamenti da apportare a questo sussidio in modo poi da inserire il tutto nella prossima manovra: “La parte assistenzialistica ha avuto una grande funzione, ma il reddito è stato un vero fallimento per gli abili al lavoro” ha concluso poi nella sua intervista radiofonica, accennando anche alla possibilità di far fare dei veri e proprio corsi di formazione per chi è in cerca di lavoro, con il preciso scopo di far trovare il giusto impiego a tutti.