Diritti bambini, Meloni: “Impegno massimo contro cyberbullismo”

In merito alla ”Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”, la premier Giorgia Meloni ha rilasciato delle importanti dichiarazioni

Le dichiarazioni del presidente del Consiglio, Giorgia Meloni
Giorgia Meloni (Ansa Foto)

Oggi, domenica 20 novembre, si celebra la ‘Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza‘. In merito a ciò anche la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha voluto rilasciare delle dichiarazioni molto importanti. Confermano, tra l’altro, l’impegno del governo in questo tema molto importante che non deve essere affatto sottovalutato. Numeri impressionanti quest’anno di episodi di bullismo contro ragazzi. Soprattutto all’interno delle scuole dove si verificano spesso scene brutali.

Queste sono alcune delle parole che la premier ha voluto rilasciare in questa giornata: “Si tratta di una ricorrenza importante. La vogliamo celebrare confermano l’impegno, a 360°, da parte del Governo. Pronti ad aiutare bambini ed adolescenti ad avere il godimento di quei diritti sanciti dalla Convenzione Onu. Molto spesso questi vengono negati o non assicurati come dovrebbero”.

La numero uno di ‘Fratelli d’Italia’ ha continuato dicendo: “La crisi pandemica, il difficile contesto economico che ne è derivato e la complessa congiuntura internazionale nella quale ci troviamo stanno incidendo profondamente sul nostro tessuto economico e sociale. Hanno creato nuove emergenze. Bambini e ragazzi stanno pagando il prezzo più alto. Dati e statistiche parlano chiaro: le dure restrizioni imposte durante la pandemia hanno avuto pesanti conseguenze sulla salute e sul benessere psicologico dei più piccoli e dei più giovani”.

Meloni e la lotta al bullismo: “Governo pronto a intervenire

Le dichiarazioni del presidente del Consiglio, Giorgia Meloni
Giorgia Meloni (Ansa Foto)

Senza dimenticare, tra l’altro, uno dei fenomeni che purtroppo sta andando sempre più crescendo come il bullismo e le baby gang. “Non si può più trascurare l’impatto dei social network e delle nuove tecnologie. Bisogna aiutare i nostri ragazzi a comprendere il volto del web. Strumento che deve essere un luogo sicuro. Bisogna proteggere i nostri bambini e  ragazzi dalle trappole del cyberbullismo e della pedopornografia online”.

In conclusione: “Noi del Governo vogliamo formare un gruppo di lavoro con tutti i Ministeri e le Istituzioni competenti per stilare un piano d’azione operativo e concreto. Il futuro della nostra Nazione dipende dalla capacità di rispondere ai bisogni delle giovani generazioni”.