Berlusconi: “Primo problema principale per il Paese è l’economia”

Il numero uno di ‘Forza Italia’, Silvio Berlusconi, ha rilasciato una intervista al quotidiano ‘Il Giornale’. L’ex presidente del Consiglio ha parlato del governo e soprattutto mandato un messaggio ai due partiti di destra (Fratelli d’Italia e Lega)

Berlusconi rilascia una intervista al 'Giornale'
Silvio Berlusconi (Ansa Foto)

Torna a parlare Silvio Berlusconi. Lo fa rilasciando una intervista al ‘Giornale‘. Ha discusso del governo e soprattutto mandato un messaggio ai due partiti “alleati” come ‘Fratelli d’Italia‘ e Lega. Il piano del governo targato Giorgia Meloni lo reputa importante, anche se per lui la questione primaria è un’altra. Riguarda l’aiuto istantaneo ed efficace alle famiglie.

Sicurezza ed immigrazione sono temi importanti. E’ necessario, però, dare un taglio alle tasse per poter aiutare le famiglie“. Insomma, un argomento di certo non nuovo per il ‘Cavaliere‘ che continua ad insistere su questo punto. Quindi la questione dell’immigrazione e delle Ong passano in secondo piano? Certo che no, ma ha voluto ribadire il problema principale che deve essere risolto per il Paese.

Berlusconi: “Questioni economiche vera emergenza per il Paese

Berlusconi rilascia una intervista al 'Giornale'
Silvio Berlusconi (Ansa Foto)

Le questioni economiche sono la vera emergenza per il Paese. Solo abbassando le tasse si può ridare fiato a un’economia provata da pandemia e guerra“. Fin troppo chiaro il numero uno di Forza Italia. In merito alle elezioni che si sono svolte il 25 settembre e che hanno visto trionfare il centrodestra ci ha tenuto a ribadire: “Il centrodestra ha vinto le elezioni perché gli italiani hanno avuto maggiore fiducia nella nostra capacità di affrontare la crisi economica rispetto agli altri schieramenti in campo. Questo è quello che dimostrerà il governo tra 5 anni“.

Come riportato in precedenza ha precisato che il tema dell’immigrazione e quello della sicurezza non sono assolutamente da scartare. In questo momento, però, la priorità va data alle famiglie: “Sia loro che le imprese si aspettano delle risposte importanti su temi che le riguardano da vicino. Parliamo di bollette, lavoro, pensioni e fisco“. Pochi giorni fa, invece, l’assoluzione di lui e Mariano Apicella nel processo ‘Ruby-ter‘. In merito a ciò fa sapere: “Spero che a nessuno capiti quello che è successo a me“.