Totti su Haaland: “Non ce n’è né per Messi, né per Ronaldo”

Dai Globe Soccer Awards di Dubai, l’ex capitano della Roma ha parlato dell’attaccante del Manchester City, elogiandone i numeri da urlo. Secondo lui continuando di questo passo spazzerà via i record dei due fenomeni che hanno dominato gli ultimi 15 anni

C’è un giocatore in particolare che ha impressionato Francesco Totti nell’ultimo periodo. Da addetto ai lavori di un certo livello, l’ex capitano della Roma si sta godendo il calcio dall’esterno, ammirando quei campioni che un tempo ha sfidato sul campo e altri che invece sono sbocciati dopo il suo addio al calcio.

Francesco Totti
L’ex numero 10 della Roma Francesco Totti (Ansa)

Ed è proprio uno che fa parte di quest’ultima categoria ad aver colpito in particolare lo storico numero 10 giallorosso, cioè l’attaccante del Manchester City Erling Haaland: “È impressionante, non sembra così giovane perché è esperto, si è espresso ad alti livelli col Borussia Dortmund e sta facendo grandi cose col City. Va detto che se hai una squadra dietro che ti supporta nel migliore dei modi è più semplice, ma non è sempre così facile realizzare quello che ti mettono a disposizione“.

La stima di Totti per Haaland

Francesco Totti
A Dubai presente anche Francesco Totti (Ansa)

Promosso a pieni voti, insomma. Ai microfoni di Sky Sport, direttamente da Dubai, Francesco Totti non ha paura a esporsi e prevedere un futuro pieno di record e premi per il giovane norvegese allenato da Guardiola. A suo giudizio, infatti, andando avanti di questo passo riuscirà a superare anche i numeri impressionanti di gente come Cristiano Ronaldo o Messi.

Due campioni che hanno segnato e monopolizzato gli ultimi 15 anni di storia del calcio: “Dovesse continuare così, non ce n’è né per Messi, né per Ronaldo. I suoi sono numeri che vanno oltre“. Difficile dargli torto, perché la media realizzativa di Erling Haaland va oltre i limiti che sono stati la normalità fino a oggi. Una macchina da guerra, capace di segnare sempre e comunque. Che adesso ha anche il benestare di una leggenda del calibro di Francesco Totti.