Franco Oppini confessa: “Ho detto no al GFVIP per…Barbara D’Urso”

Corteggiato per mesi da Alfonso Signorini, Franco Oppini non ha ceduto alle richieste del direttore di Chi e ha detto no al Gfvip. L’attore avrebbe dovuto seguire le orme del figlio Francesco che grazie alla partecipazione al reality ha ottenuto alcuni riconoscimenti tv. Franco è un’artista affermato e entrare nella casa di Cinecittà sarebbe stata un’esperienza in più da aggiungere al suo curriculum. Il comico non nega che gli è stato offerto un compenso lodevole, ma le sue valutazioni lo hanno portato a seguire un’altra strada.

Franco-Oppini tv Notizie

Franco Oppini: “Mi hanno fatto una bella offerta”

Raggiunto da Rtl 102.5, durante la messa in onda di Trends & Celebrities, Oppini ha spiegato che il motivo reale che lo ha spinto è a dire no al GF è stato il teatro. L’attore adora recitare e per i prossimi tre anni sarà su un palcoscenico insieme a Barbara D’Urso: “Da gennaio comincerò le prove di Taxi a due piazze, qui declinato al femminile. Nell’originale c’è un tassista uomo con due mogli, mentre il nostro spettacolo prevede una tassista donna con due mariti.”

L’ex marito di Alba Parietti ha poi aggiunto:Barbara D’Urso è una macchina da guerra, mentre faremo lo spettacolo continuerà con Pomeriggio Cinque. Faremo le prove al mattino, dalle 10.00 alle 14.00, per permetterle di andare in studio a preparare la trasmissione”. Oppini ha deciso di dedicarsi al teatro, ha posto la passione per il palcoscenico al primo posto e non si è fatto ammaliare dalla proposta economica.

Franco Oppini teatro Notizie

Franco Oppini: “Per il teatro, Goldoni e per Barbara ho rinunciato…”

Franco Oppini ha rivelato che Alfonso Signorini e la produzione del GFVIP gli hanno fatto una proposta allettante che in pochi avrebbero rifiutato, ma in ballo c’era il teatro e in merito su cosa scegliere non ha avuto nessun dubbio:

“Per il teatro, per il Goldoni e per Barbara, ho rinunciato al Grande Fratello. Mi hanno fatto una bella offerta, ma ho rinunciato perché il teatro è la mia vita e mi permette di lavorare per tre anni, anche se non prenderò gli stessi soldi. Ne ho parlato con Signorini che ha capito la mia situazione”.