Lazio, Immobile si ferma in Nazionale: problema muscolare, ecco l’entità dello stop

L’attaccante biancoceleste non è tra i convocati per la sfida di Nations League contro l’Inghilterra. Il ct Mancini dovrà fare a meno di lui stasera.

Si è fermato Ciro Immobile, non inserito tra i convocati del ct Roberto Mancini per la partita di stasera contro l’Inghilterra. L’attaccante della Lazio ha accusato un problema muscolare che gli impedirà di partecipare (nemmeno dalla panchina) alla sfida di Nations League in programma allo Stadio Meazza (ore 20.45).

Ciro Immobile
Ciro Immobile ha riportato un problema muscolare in ritiro con la Nazionale. Per questo non è stato inserito dal ct Mancini nella lista dei convocati per la partita di Nations League contro l’Inghilterra (Ansa Foto)

A Formello, visto lo stop, è scattata subito la preoccupazione per le sue condizioni. Sarri è già alle prese con l’infortunio di Lazzari, fuori dalla sfida con il Verona dello scorso 11 settembre per una lesione di primo grado al flessore destro. Ora l’allenatore spera di non perdere il suo centravanti in vista della ripartenza del campionato, fissata per la Lazio al 2 ottobre contro lo Spezia all’Olimpico. Dal ritiro azzurro sono arrivate delle rassicurazioni: Immobile dovrebbe aver scongiurato lo stiramento, si tratterebbe infatti di un semplice affaticamento che ha comportato la scelta di non rischiarlo nel match con gli inglesi.

Immobile rimarrà in ritiro con la Nazionale

Ciro Immobile Mattia Zaccagni
Ciro Immobile esulta insieme a Mattia Zaccagni. L’attaccante della Lazio domenica ha realizzato una doppietta nella gara di campionato contro la Cremonese (Ansa Foto)

Il calciatore rimarrà comunque aggregato in Nazionale, potrebbe tornare arruolabile lunedì per la seconda gara contro l’Ungheria, in questo momento capolista del Gruppo 3 davanti a Germania, Italia e Inghilterra. La prudenza è massima in casi del genere, la Lazio si augura di riabbracciare il suo bomber la prossima settimana senza controindicazioni dal punto di vista fisico. Troppo importante per Sarri averlo a disposizione (e in forma) all’inizio del secondo tour de force stagionale, caratterizzato da una partita ogni 3 giorni e mezzo. Nel conto sono compresi anche gli impegni di Europa League. La squadra è chiamata a reagire dopo il pesante ko rimediato in Danimarca contro il Midtjylland.