Caro carburanti, azione importante del governo: prorogato lo “sconto”

Caro carburanti, azione importante da parte del governo che è dovuto intervenire obbligatoriamente per via dell’aumento vertiginoso della benzina e non solo. E’ stato prorogato lo “sconto”.

Subito dopo il 24 febbraio, giorno dell’invasione e dell’attacco nei confronti dell’Ucraina, abbiamo notato (e vissuto soprattutto) un aumento vertiginoso di tutti beni di cui non possiamo fare a meno nella vita quotidiana. In primis quello alimentare fino ad arrivare al carburante.

Altro sconto sul caro carburanti
Caro carburanti (Ansa Foto)

Ogni giorno che passava la benzina aumentava ogni giorno, scatenando l’ira e la delusione degli italiani che hanno iniziato a lamentarsi. Tanto è vero che (in alcune parti) si è arrivati addirittura a sfiorare i 3 euro al litro. Un qualcosa di inimmaginabile fino ad ora ma che in realtà è accaduto davvero.

Troppo anche per il governo che ha deciso di intervenire in merito. Sembrava che la situazione fosse tornata alla “normalità”, ma sono bastate solamente un paio di settimane per tornare nuovamente punto e a capo. Adesso la benzina ed il diesel hanno superato abbondantemente i 2 euro al litro. Sinceramente troppo.

Ovviamente sono ripartire le proteste e gli appelli al governo per fare qualcosa in merito visto che la situazione sta continuando a degenerare. Costi che davvero iniziano a diventare sopportabili per le tasche degli italiani. Nelle ultime ore, però, sempre dal governo sono arrivate delle notizie e novità importanti in merito a questa vicenda.

Caro carburanti, prorogato lo “sconto” di 30 centesimi

Altro sconto sul caro carburanti
Caro carburanti (Ansa Foto)

Alla fine lo “sconto” è stato prorogato. Quando? Fino al 2 agosto. Si tratta di 30 centesimi su benzina, diesel, gpl e metano per autotrazione. Il tutto è stato introdotto per contrastare il caro-carburanti. A deciderlo sono stati il ministero dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco ed il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani.

Questi ultimi due hanno firmato il decreto interministeriale che arriva fino al secondo giorno di agosto le misure attualmente in vigore. In molti sperano che questo possa essere prorogato ancora per moltissimo tempo e che non si anticipino le date come successo ultimamente.