Bundesliga, da ultrà a presidente: l’incredibile storia di un tifoso

Da semplice tifoso a presidente della sua squadra del cuore: è la storia di Kay Bernstein, nuovo patron dell’Hertha Berlino.

Una storia da film quella di Kay Bernstein. Altro che favole, questa è la pura realtà. Un tifoso dell’Hertha Berlino, tra i più accaniti, è riuscito a diventare presidente del club del suo cuore. Ha stravolto i pronostici iniziali e si è fatto eleggere durante l’assemblea generale straordinaria che si è svolta lo scorso weekend. Dopo la salvezza raggiunta a fine maggio grazie allo spareggio contro l’Amburgo, la squadra della capitale tedesca è pronta a rinnovarsi per una nuova stagione di Bundesliga.

Kay Bernstein
Il nuovo presidente dell’Hertha Berlino, Kay Bernstein (Twitter)

Hertha Berlino, il nuovo presidente è un ex ultrà: ecco come è diventato il numero uno del club

Durante la campagna per l’elezione del nuovo presidente del club, in un’intervista Kay Bernstein aveva promesso: “Posso essere il giusto risolutore di problemi in un momento molto importante nella storia del club. Da vero tifoso dell’Hertha, posso assicurarvi che la speranza sta germogliando di nuovo nelle trincee della discordia“.

Una rivoluzione annunciata da parte dell’ex tifoso, co-fondatore del gruppo “Harlekins” e da anni capo di questa crew: “Posso unire l’Hertha internamente e stabilizzarlo esternamente. Sono a favore di un vero e proprio nuovo inizio con contenuti reali, non solo la rimozione della vecchia guardia e dei sistemi che hanno portato l’Hertha sull’orlo del baratro“.

Bernstein arriva in un momento davvero delicato per la storia del club. Dopo una salvezza strappata con le unghie e con i denti, anche il prossimo anno l’Hertha Berlino sarà chiamato a una lotta per non retrocedere. Avere a capo un ex ultrà può rappresentare una spinta in più per tutto l’ambiente.