Bonus auto e moto, da lunedì ok agli incentivi: cosa c’è da sapere

Da lunedì partiranno gli incentivi e per auto e moto: ecco gli obiettivi dei bonus offerti e come funzioneranno.

Incentivi verdi per auto elettriche, veicoli ibridi plug-in e ancora ciclomotori e motocicli. C’è un po’ di tutto nel decreto che sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale e darà il via ad una pioggia di fondi per chi vuole cambiare auto.

Cambiare auto nel 2022
Incentivi auto e moto da lunedì, ecco come funzionano (Ansa)

Saranno sbloccati subito 650 mila euro, poi la stessa somma nell’anno successivo e poi ancora nel 2024 per un totale di 2 miliardi di euro. Per quel che riguarda le auto elettriche con un prezzo fino a 35mila euro sarà quindi possibile richiedere un contributo di 3mila euro e altri 2mila con la eventuale rottamazione di un mezzo inferiore a Euro5.

Contributo da 2mila euro anche per l’acquisto di auto ibride plug-in con un prezzo fino a 45mila euro, e altri 2mila euro per la eventuale rottamazione. Identico bonus arriva anche per chi acquista veicoli a basse emissioni come mild hybrid e full hybrid con un prezzo fino a 35 mila euro più Iva, e poi via anche agli incentivi sui ciclomotori.

Bonus auto e moto, ecco come funziona e gli obiettivi

stop vendita motori benzina diesel
Auto e moto, arrivano gli incentivi (Ansa)

Per quel che riguarda i motocicli elettrici e ibridi saranno due le soglie da tenere in considerazione. Il bonus sarà del 30% per quelli che non superano i 3mila euro e del 10% in più per quelli fino a 4mila euro con eventuale rottamazione di modelli in una classe da Euro 0 a 3.

Per i ciclomotori e i motori termici invece, fra quelli di categoria L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e, partià un contributo del 40% sul prezzo d’acquisto fino a 2500 euro con rottamazione. Dal 25 maggio sarà accessibile la piattaforma per prenotarsi, ma i contratti sulla vendita potranno già essere stipulati da lunedì. L’obiettivo è chiaramente quello di dare una spinta al mercato che fa registrare un calo drastico in confronto agli anni precedenti alla pandemia, e allo stesso tempo incentivare l’acquisto di veicoli meno inquinanti.