Furiosi e “ammutinati”, soldati russi agli ufficiali: “Non combattiamo più”

Un nuovo problema si sta facendo largo al fronte, con diversi militari che si rifiutano di imbracciare le armi: “Non sia tecnicamente in guerra”

Quando ai primi di aprile è stato detto ai soldati di una brigata d’élite dell’esercito russo di prepararsi per un secondo dispiegamento in Ucraina, è esplosa la paura e la rabbia tra i ranghi. L’unità, di stanza nell’estremo oriente russo in tempo di pace, è entrata per la prima volta in Ucraina dalla Bielorussia quando la guerra è iniziata alla fine di febbraio e ha visto aspri combattimenti con le forze ucraine. È diventato presto chiaro che non tutti erano d’accordo. Molti di noi semplicemente non volevano tornare indietro“, ha detto un giovane soldato russo di nome Dmitri al quotidiano inglese “The Guardian“, un membro dell’unità che ha chiesto di non essere identificato con il suo vero nome. “Voglio tornare dalla mia famiglia, ma non dentro in una bara“.

La scelta
Alcuni soldati russi in partenza per l’Ucraina (foto Ansa)

Insieme ad altri otto, Dmitri disse ai suoi comandanti che si era rifiutato di ricongiungersi all’invasione. “Erano furiosi. Ma alla fine si sono calmati perché non c’era molto che potevano fare”, ha detto. Fu presto trasferito a Belgorod, una città russa vicino al confine con l’Ucraina, dove da allora è di stanza. “Ho servito per cinque anni nell’esercito. Il mio contratto scade a giugno. Servirò il mio tempo rimanente e poi me ne andrò di qui. Non ho nulla di cui vergognarmi. Non siamo ufficialmente in stato di guerra, quindi non potrebbero costringermi ad andare”. Il rifiuto di Dmitri di combattere mette in luce alcune delle difficoltà militari che l’esercito russo ha dovuto affrontare a seguito della decisione politica del Cremlino di non dichiarare formalmente guerra all’Ucraina, preferendo invece descrivere l’invasione, che presto raggiungerà il suo quarto mese, come un “operazione militare speciale”.

La Russia non ha mai dichiarato guerra all’Ucraina, i soldati che si rifiutano di combattere possono essere licenziati ma non perseguiti

La decisione
I soldati russi mentre viaggiano sconsolati su un carro armato (foto Ansa)

Secondo le regole militari russe, le “truppe che si rifiutano di combattere in Ucraina possono essere licenziate ma non possono essere perseguite”, ha affermato Mikhail Benyash, un avvocato che ha consigliato i soldati che scelgono questa opzione. Benyash ha detto che “centinaia e centinaia” di soldati si erano messi in contatto con la sua squadra per consigli su come evitare di essere mandati a combattere. Tra loro c’erano 12 guardie nazionali della città russa di Krasnodar, nel sud della Russia, che furono licenziate dopo essersi rifiutate di andare in Ucraina. I comandanti cercano di minacciare di incarcerare i loro soldati se dissentono, ma diciamo ai soldati che possono semplicemente dire di no“, ha detto Benyash, aggiungendo di non essere a conoscenza di alcun procedimento penale contro i soldati che si sono rifiutati di combattere. “Non ci sono basi legali per avviare un procedimento penale se un soldato si rifiuta di combattere mentre si trova in territorio russo“.

Molti soldati, quindi, hanno scelto di essere licenziati o trasferiti piuttosto che entrare nel “tritacarne“. Indicando le leggi militari russe, Benyash ha affermato che sarebbe più difficile per i soldati rifiutarsi di combattere se la Russia dichiarasse una guerra su vasta scala. “In tempo di guerra, le regole sono totalmente diverse. Il rifiuto allora significherebbe sanzioni molto più dure. Guarderebbero l’ora in prigione“. Un giovane sergente ha detto di essere stato ferito durante uno dei recenti attacchi ucraini al territorio di confine russo dove era di stanza. I suoi superiori hanno sostenuto che non dovrebbe ricevere il risarcimento monetario fino a 2.500 euro a cui i russi feriti hanno diritto per legge perché la sua ferita è avvenuta sul suolo russo, il che significa che non rientrava nelle regole della “operazione militare speciale” della Russia. Non è giusto, sto combattendo in questa guerra proprio come gli altri in Ucraina, rischiando la vita”, ha detto il soldato. “Se non avrò presto il risarcimento a cui ho diritto, diventerò pubblico e ne farò una questione importante”.