La pandemia cambia il mondo del lavoro: le nuove figure più ricercate

Cambia il mondo del lavoro negli anni di pandemia: spuntano richieste e nuove figure professionali che faranno registrare un boom nel 2022.

lavoro nuove figure
La pandemia cambia il mondo del lavoro con nuove figure molto ricercate (Getty Images)

La pandemia ha scavato un solco netto anche nel mondo del lavoro. Fra attività che hanno chiuso, altre che si sono rigenerate andando incontro a nuove richieste, e figure nate proprio nel periodo del lockdown, in due anni molto è cambiato, e anche il modo di inserirsi nel contesto lavorativo ha subito importanti variazioni. Nel 2022 è prevista infatti un’altra radicale mutazione, da analizzare in maniera approfondita. 

Leggi anche: Confcommercio lancia l’allarme: pesante calo nei turisti, dati disastrosi

Dal campo medico e farmaceutico, essenziale in questa fase, alle figura a tutela della privacy, le richieste potrebbero essere molte. Così come nel campo dell’informazione e del Made in Italy, che nelle previsioni potrebbe accrescere il proprio potere attrattivo nei consumatori.

Nel 2022 cambia ancora il mondo del lavoro: le nuove figure

made in italy
Il Made in Italy resta un traino nel mondo del lavoro (Getty Images)

Il settore che potrebbe essere maggiormente interessato dai cambiamenti nel mondo del lavoro è quello medico e farmaceutico. Spuntano richieste come Medical Advisor, Product Specialist e Pharma Marketing Manager. Posizioni già esistenti, che in fase di pandemia fanno registrare crescite nette. Alte anche le richieste nel campo delle risorse umane e della tecnologia. Lo smart working amplifica la necessità di figure che operano da casa.

Leggi anche: Un 2021 nero per gli incidenti sul lavoro, i numeri

Dagli operatori alle figure che si occupano di qualità nel servizio, sicurezza sul lavoro, energia e ambiente. Resta alta anche la capacità di occupazione nel Made in Italy. Le previsioni parlano di una crescita che dovrebbe registrarsi nel 2022 e nell’anno successivo.  Diventa quindi fondamentale la posizione dell’Export Manager, e di quelle figure che si occupano di promuovere i prodotti e di chi si occupa del commercio verso l’estero. Una mutazione netta quindi, da analizzare approfonditamente per stare al passo con un cambio radicale avvenuto in anni di pandemia.