ESCLUSIVA – Avv. Ferrero: “L’emozione, gli abbracci, i pianti e i selfie…”

Il legale dell’imprenditore romano torna a parlare dopo la scarcerazione e il ritorno a casa del suo cliente e amico

Ferrero arrestato
Arrestato il presidente della Sampdoria (Getty Images)

Un ritorno a casa da mille e una notte. Un viaggio in treno, tanti ricordi e tante emozioni in appena tre ore di viaggio, completamente da solo. Massimo Ferrero è rientrato nella capitale dopo aver passato diciassette giorni in carcere a San Vittore e ieri appena arrivato è stato prelevato dai suoi avvocati. “E’ stata una serata diciamo magica, su – ha detto l’avvocato Giuseppina Tenga a Notizie.com – rivedere Massimo dopo tutto quello che è successo è stato bello e confortante. Ha fatto il viaggio in treno da solo, anche se dopo qualche minuto che era lì, è stato riconosciuto, qualche demente ha anche pensato che fosse evaso, ha dovuto quasi spiegarlo Massimo, anche se è stato un attimo”.

E’ contenta e sollevata l’avvocato Tenga, anche perché adesso comincia la vera battaglia legale, ma per il momento si gode il successo e il rientro a casa del suo assistito: “L’abbiamo preso noi, poi l’abbiamo portato dai carabinieri come prevede il protocollo. Ci ha raccontato che le persone volevano farsi un selfie con lui, ma era senza telefonino perché sequestrato dalla Guardia di Finanza, ma dopo Natale faremo fare una copia informatica e glielo faremo riavere. Il rientro a casa è stato bello, una cosa tutta loro, normale l’emozione e qualche pianto, da parte di tutti. Siamo umani e siamo persone che ci vogliamo bene”. E’ agguerrita sulle foto segnaletiche sono andate in giro sul web: “Ma le pare normale? Ora le devo far vedere a Massimo, lui sa come era vestito e sa se sono vere o meno. Se corrispondono al vero, non vorrei essere nei panni delle forze dell’ordine che hanno permesso questo. Faremo una denuncia seria e forte se sono vere