Autoritratto di Frida Kahlo venduto all’asta, cifra da record

Un autoritratto di Frida Kahlo è stato venduto all’asta per una cifra da record. Ecco chi ha comprato il quadro.

Frida Kahlo autoritratto
L’autoritratto di Frida Kahlo ©Getty Images

Un autoritratto di Frida Kahlo da record. L’opera dal titolo Diego y yo è stato venduto all’asta a New York per una cifra che ha frantumato il precedente primato dell’artista messicana risalente al 2016.

In quel caso il prezzo dell’acquisto si era fermato a 8 milioni di dollari. Una cifra che, in questa occasione, è stata abbondantemente superata visto che si è arrivati a 34,9 milioni di dollari.

LEGGI ANCHE <<< “Matrice chiara”: paura dopo l’attentato e gli arresti a Liverpool

Un acquisto che può essere inserito anche tra i record dell’arte latinoamericana. Il quadro di Frida è salito sul podio sorpassando quello del marito Diego Rivera, venduto nel 2018 al prezzo di 9,8 milioni di dollari. E non sarà semplice in futuro vendere un altro quadro a queste cifre, con il record destinato a rimanere tale molto probabilmente per diverso tempo.

L’autoritratto di Frida Kahlo

Frida Kahlo
L’autoritratto di Frida Kahlo ©Getty Images

Come riportato dall’Adnkronos, il quadro raffigura Frida che guarda in lacrime lo spettatore e sovrapposta alla fronte c’è l’immagine del marito Diego Rivera e proprio per questa si è deciso di chiamarlo Diego y yo.

Ad acquistare questa opera per la cifra record di quasi 35 milioni di dollari è stato l’imprenditore Eduardo Constantini, molto conosciuto in Argentina per essere un rinomato collezionista oltre che fondatore del Museo de Arte Latinoamericano a Buenos Aires e il quadro di Frida molto probabilmente sarà esposto proprio al Malba.

LEGGI ANCHE <<< Intesa San Paolo: quasi 5000 assunzioni nel nuovo piano di lavoro

Un capolavoro di Frida che è stato descritto da Brooke Lampley, presidente di Sotheby’s, come “emotivamente spoglio e complesso, ma è un’opera di un’artista che è riuscita a influenzare il mondo delle belle arti arrivando anche alla cultura pop e oltre”. L’opera, come detto, si prepara ad essere esposta in Argentina nella speranza di poterla vedere ben presto anche in Europa.