Covid, Sudafrica: buone notizie, picco Omicron senza aumento morti

La variante rilevata il mese scorso non ha portato più decessi o ospedalizzazioni dei picchi precedenti. Contaminazioni diminuite del 30% nel Paese, è stata comunicata la revoca di alcune restrizioni sanitarie come il coprifuoco.

Sudafrica Covid Omicron
In Sudafrica il picco della variante Omicron non ha portato un aumento considerevole dei decessi e delle ospedalizzazioni: comunicata la revoca di alcune restrizioni (Ansa Foto)

Una buona notizia dal Sudafrica. Il governo ha annunciato di aver superato il picco dell’ondata Omicron senza che ci sia stato un aumento significativo del numero delle morti. La variante era stata rilevata il mese scorso, la presidenza ha appena rilasciato un messaggio ufficiale per comunicare la revoca di alcune restrizioni sanitarie, tra tutte quella del coprifuoco notturno. “Probabilmente abbiamo superato il picco della quarta ondata, questo ci suggeriscono tutti gli indicatori”, è stato dichiarato. L’aumento dei decessi è stato definito “marginale” in tutte le province. Le contaminazioni attuali sarebbero diminuite del 30% rispetto a quelle della settimana scorsa (89.781 contro 127.753).

LEGGI ANCHE QUESTO: Omicron: incubazione, sintomi e durata, cosa sappiamo sulla variante

3,4 milioni di casi e circa 91mila morti

Covid vaccino Sudafrica Omicron
Una foto di un vaccino effettuato a Johannesburg, in Sudafrica: è il Paese più colpito del continente africano. In totale 3,4 milioni di casi e circa 91mila morti (Ansa Foto)

Anche i ricoveri in ospedale sono diminuiti in quasi tutte le province: “Nonostante Omicron le ospedalizzazioni sono state inferiori rispetto al passato”. La variante per la prima volta è stata identificata in Botswana e in Sudafrica a fine novembre. A metà dicembre, proprio in Sudafrica, sono stati registrati oltre 26mila casi giornalieri. È la nazione africana più colpita (almeno stando ai dati ufficiali riportati): i numeri parlano di 3,4 milioni di casi e circa 91mila morti per Covid-19. I contagi riscontrati nell’ultima giornata sono stati meno di 13mila. Una notizia che fa ben sperare: il peggio dovrebbe essere alle spalle.